Spazio

Il lungo addio alle Voyager

Lanciate nel 1977, le due sonde Voyager, ormai fuori dal Sistema Solare, hanno quasi del tutto esaurito la loro fonte di energia. Ecco come prolungare un po' la loro vita.

Hanno trascorso la maggior parte del loro viaggio, durato quasi mezzo secolo, più lontane dalla Terra di qualsiasi altro oggetto creato dall'uomo, ma forse anche per le due sonde Voyager è arrivata l'ora di mettersi a riposo: ora la NASA sta studiando come spegnere i loro strumenti e guidare questa fase delle sonde entro l'inizio del prossimo decennio.

La Voyager 1 si trova attualmente a 23,3 miliardi di chilometri dalla Terra, una distanza per la quale la luce impiega 20 ore e 33 minuti per raggiungere il nostro pianeta, mentre la Voyager 2 si trova a 19,2 miliardi di chilometri (circa 18 ore-luce). Tutto ciò significa che gli ingegneri che tengono i contatti con le navicelle impiegano più o meno due giorni per inviare un messaggio e ottenere una risposta. Le due navicelle Voyager vennero lanciate dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral (Florida) nel 1977, con la Voyager 2 partita un mese prima della Voyager 1. Entrambe erano progettate con un orizzonte di durata operativa di 5 anni, con l'obiettivo di sorvolare Giove, Saturno e i pianeti esterni del Sistema Solare.

Oltre ogni aspettativa. Entrambe le sonde hanno superato di gran lunga l'obiettivo iniziale: hanno viaggiato, comunicato con la Terra e risposto ai comandi per 44 anni! La NASA lavora adesso all'idea di spegnere gli strumenti di bordo perché se rimanessero accesi consumerebbero l'ultima energia rimasta a disposizione entro il 2025: se invece si spengono gli strumenti, potrebbe essere possibile riaccenderli tra qualche anno e avere informazioni provenienti da distanze siderali anche fino alle 2030.

Energia atomica. Le Voyager hanno potuto viaggiare così a lungo perché sono alimentate da generatori termoelettrici a radioisotopi, ossia alimentate dal calore che si produce dal plutonio. La potenza di questi generatori tuttavia, sta diminuendo di circa 4 watt all'anno, il che ha obbligato i tecnici a spegnere via via alcuni strumenti che richiedono molta energia. Attualmente Voyager 1 ha solo quattro strumenti funzionanti, mentre Voyager 2 ne ha 5. Due anni fa si pensava che altri strumenti si sarebbero dovuti spegnere al più presto, ma ad oggi questi continuano a funzionare regolarmente. La scelta su quale strumento non far più arrivare energia elettrica non è semplice, ma se si vuole che le sonde inviino messaggi anche nel 2030 è necessario risparmiare molta energia e quindi la scelta diventa necessità.

Mai visto prima. Le Voyager hanno permesso di osservare da vicino i grandi pianeti esterni del Sistema Solare e molte delle loro lune. Tutte le immagini sono iconiche, ma forse una più di tutte: scattata dalla Voyager 1 da circa 11 milioni di km da "casa", si vede il sistema Terra-Luna in un'unica immagine.

Il sistema Terra-Luna ripreso dalla Voyager 1.
Il sistema Terra-Luna ripreso dalla Voyager 1. © NASA
1 luglio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us