Spazio

Musk: battesimo difficile per il Falcon Heavy

Difficile che il primo lancio del Falcon Heavy, il  razzo progettato per portare l'uomo su Marte e sulla Luna, scorra liscio: il CEO di SpaceX ha parlato realisticamente del test previsto entro fine anno.

Meglio abbassare le aspettative (e semmai sorprendere). Elon Musk ha raffreddato gli entusiasmi su un possibile successo del lancio inaugurale del Falcon Heavy, il vettore spaziale di SpaceX per le missioni umane sulla Luna e sul Pianeta Rosso.

«Ci sono buone possibilità che non arrivi in orbita durante il primo lancio» ha spiegato Musk alla International Space Station Research and Development conference di Washington D.C.

Sollecitazioni eccessive. Sviluppare il lanciatore, la cui propulsione si basa su 27 motori che devono funzionare all'unisono, si è dimostrato «molto più difficile di quanto il team inizialmente credesse». Il suo primo stadio composto dal cuore di tre Falcon 9 sviluppa vibrazioni tali che è impossibile testare il vettore prima del lancio vero e proprio.

Sollevamento pesi. Il Falcon Heavy punta a essere il più potente lanciatore spaziale al mondo, capace di portare in orbita un payload di 54 tonnellate (la massa di un jet 737 pieno di passeggeri, equipaggio, bagagli e carburante). Solo il razzo lunare Saturn V usato nelle missioni Apollo poteva trasportare un carico maggiore. Il lancio inaugurale del vettore è previsto per fine anno.

Di nuovo sulla Luna. Musk ha aggiunto che per riaccendere l'entusiasmo del pubblico per i lanci spaziali è necessario puntare a costruire una colonia lunare, e continuare il sogno delle missioni Apollo. A febbraio SpaceX aveva annunciato di aver siglato un accordo per portare due privati cittadini in orbita lunare nel 2018, la prima missione nello Spazio profondo da 45 anni a questa parte.

21 luglio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us