Spazio

Molte lune di Saturno sono assai giovani

Molti satelliti di Saturno sarebbero nati da scontri di lune più antiche e in tempi relativamente vicini a noi: meno di 100 milioni di anni fa.

Quanto sono vecchi i satelliti e gli anelli di Saturno? Verrebbe spontaneo pensare: «Tanto quanto il pianeta». La Luna, la nostra luna infatti, è nata ai primordi della storia del nostro pianeta, perché non dovrebbe essere così anche per Saturno? Eppure non è così.

Una ricerca appena pubblicata su Astrophysical Journal sostiene che alcune dei 62 satelliti di Saturno non sarebbero più vecchi di un centinaio di milioni di anni e così anche gli anelli del pianeta. Spiega Matija Cuk, del Seti (Search for Extraterrestrial Intelligence): «Le lune di Saturno cambiano la loro orbita nel tempo. Analizzandole con grande precisione è possibile ricostruire l’intera loro storia. E in questo modo siamo arrivati a capire che alcune di esse sono nate durante l’ultimo 2 per cento della storia del pianeta».

La posizione di alcuni satelliti e di alcuni anelli di Saturno © Nasa/JPL

RICOSTRUZIONI AL COMPUTER. Matija Cuk sostiene che alcune lune e anche gli anelli sono molto più giovani a causa del cosidetto "effetto mareale", cioè l’interazione che esiste tra le lune e il pianeta prodotta dalla forza di gravità.

Quando nacque Saturno, nacquero anche delle lune, alcune delle quali su orbite identiche. Poi, con il trascorrere del tempo, a causa di complesse interazioni tra queste lune alcune si sono scontrate originandone di nuove.

La ricostruzione al computer da parte dei ricercatori ha permesso di capire che molte di quelle che vediamo attualmente sono nate negli ultimi 100 milioni di anni.

E questo potrebbe voler dire che anche gli anelli sono nati in tempo astronomicamente recenti. Un’ipotesi che era già stata avanzata nel 2012 su intuizione di astronomi francesi che ora vede una conferma con dati statistici.

29 marzo 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us