Misteri al centro della galassia

Piccole e potenti nebulose hanno un cuore caldo. Lo ha scoperto un osservatorio europeo.

2003410104642_14

Misteri al centro della galassia
Piccole e potenti nebulose hanno un cuore caldo. Lo ha scoperto un osservatorio europeo.
La nebulosa attorno alla potentissima stella doppia BAT99-49, nella Grande Nube di Magellano.© ESO Education & Public Relations Department.Clicca qui per ingrandire l'immagine (attenzione, l'immagine è di circa 250 kbyte).
La nebulosa attorno alla potentissima stella doppia BAT99-49, nella Grande Nube di Magellano.
© ESO Education & Public Relations Department.
Clicca qui per ingrandire l'immagine (attenzione, l'immagine è di circa 250 kbyte).
Alcuni degli oggetti più belli dell'universo rimangono ancora misteriosi. Questo accade in particolare per piccole nebulose che, come dicono gli astronomi, hanno un “alto grado di eccitazione”, perché contengono un'alta percentuale di ioni, atomi che hanno perso alcuni dei loro elettroni. Il mistero risiede nella fonte di questa eccitazione; forse queste nebulose contengono stelle luminosissime (da centomila a dieci milioni di volte la luminosità del Sole, o altri oggetti celesti particolarmente energetici. Una serie di osservazioni effettuale con il cosiddetto VLT (Very large telescope), gestito dall'ESO (European Southern Observatory) e situato in Cile, ha permesso a ricercatori dell'università di Liegi, in Belgio, di scoprire all'interno di queste nebulose alcune tra le stelle più calde e massicce mai viste, alcune delle quali sono doppie. Le nebulose sono state osservate all'interno delle Nubi di Magellano, piccole galassie satelliti della nostra Via Lattea. Le stelle hanno una massa oltre 20 venti volte superiore a quella del Sole, e una temperatura superficiale che oltrepassa i 90.000 °C.

(Notizia aggiornata al 14 aprile 2003)

10 Aprile 2003