Spazio

Le piogge di meteore sul Pianeta Rosso creano le nuvole

Il pulviscolo meteorico è il nucleo per la formazione delle gocce che danno poi origine alle nuvole: su Marte, è la pioggia di meteore a creare le nuvole.

Da quando il Pianeta Rosso è sotto osservazione ravvicinata da parte di sonde e rover più e più volte sono state osservate nubi nella sua atmosfera, a volta anche molto ben sviluppate. Proprio recentemente Curiosity ci ha inviato alcune spettacolari immagini di ciò che attraversava il cielo di Marte: l'analisi di quelle fotografie ha permesso di capire che le nuvole si sono formate a circa 30 chilometri di quota e che sono composte da acqua e ghiaccio, proprio come quelle della Terra, e che sono sempre illuminate dal Sole, anche di notte, per via dell'altezza in cui si trovano.

Da quando sono state osservate per la prima volta, anni fa, il dilemma è sempre stato lo stesso: qual è la loro origine? Recentemente ci ha lavorato un gruppo di scienziati della University of Colorado a Boulder, arrivando a importanti conclusioni: lo studio (pubblicato su Nature) propone l'idea che le nuvole si formino grazie a residui di detriti ghiacciati provenienti dallo Spazio, che entrano nell'atmosfera del pianeta.

Le nuvole di Marte: di che cosa sono fatte e come si formano
Animazione (clicca sull'immagine per avviarla) - Le nubi su Marte si formano dai residui di polveri meteoriche in atmosfera. Per approfondire: Curiosity ha fotografato nuvole di ghiaccio. © Nasa

Fumo meteorico. «Le nuvole non si formano da sole, c'è bisogno di qualcosa che faccia condensare il vapore acqueo», commenta Victoria Hartwick, coordinatrice dello studio: sulla Terra, le nuvole basse si creano quando piccolissimi granelli di sale provenienti dal mare o particelle di polvere nell'aria fanno da ricettori del vapore acqueo in atmosfera. I piccoli nuclei si accrescono fino a diventare gocce che, per gravità, precipitano in pioggia. Su Marte il processo è diverso: sembra che le nuvole nascano dalle meteore che si scontrano con il Pianeta Rosso.

Mars Helicopter, Marte, Pianeta Rosso, Nasa, Sistema Solare, Mars 2020, droni
Illustrazione: Mars 2020, il prossimo rover della Nasa su Marte per cercare la vita (vedi). © NASA/JPL-Caltech

È noto che circa due o tre tonnellate di detriti spaziali precipitano quotidianamente sulla superficie di Marte: quel materiale "si sbriciola" attraversando l'atmosfera, dando origine a un velo di polvere che gli astronomi chiamano fumo meteorico.

Come zucchero filato. I ricercatori hanno realizzato delle simulazioni al computer dove sono stati inseriti i moti delle polveri e sono giunti alla conclusione che sono proprio le particelle di quel pulviscolo a dare origine alle nuvole. Una situazione che, sulla Terra, potremmo riscontrare solo in prossimità dei poli, ma che su Marte sembra invece la regola. Le simulazioni suggeriscono che le nuvole marziane non sono particolarmente spesse e che somigliano a zucchero filato sfilacciato: da non sottovalutare, però, perché è stato dimostrato che hanno effetti sensibili sul meteo del pianeta, facendo oscillare la temperatura al suolo anche di 10 °C.

23 giugno 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us