Spazio

Marte chiama Europa: più vicina la missione ExoMars

Firmati i contratti per il finanziamento di parte della missione che prevede due approcci al Pianeta Rosso, tra tre e cinque anni.

In edicola

Sul #nuovoFocus (in edicola dal 20 giugno) un'intervista con il Nobel che vuole farci vivere su Marte con la missione Mars One

Il progetto dell'ESA di lanciare un satellite in orbita intorno a Marte nel 2016 e un rover sulla sua superficie nel 2018 ha ricevuto una sostanziale "spinta" questa settimana grazie alla firma di nuovi contratti con i finanziatori.

L'agenzia spaziale europea ha siglato lunedì un accordo con la Thales Alenia Space, una società con una vasta esperienza nella produzione di infrastrutture spaziali, per 216 milioni di euro: una cifra sufficiente a garantire il completamento e il lancio del satellite, nonché l'avvio dei lavori per il rover.

La maggior parte dei fondi, 146 milioni di euro, sarà destinata al finanziamento del Trace Gas Orbiter (TGO), il satellite che cercherà tracce di metano e altri gas nell'atmosfera del pianeta. Il satellite trasporterà anche un prototipo del lander che testerà la tecnologia di atterraggio da usare per il rover ExoMars nel 2018. Quest'ultimo, un laboratorio su ruote erede di Curiosity, cercherà tracce di vita sopra e sotto il suolo marziano, perforandolo fino a 2 metri di profondità.

Molte sono ancora le incognite sulla missione, che vedrà l'ESA impegnata in una partnership con l'agenzia spaziale russa Roscosmos (la Nasa ha dovuto rinunciare per problemi di budget). Altri accordi dovranno essere presi per coprire i costi finali, stimati per una cifra superiore a 1,2 miliardi di euro.

Per approfondire: anche l'Europa andrà su Marte (il post di Mario di Martino)
Marte visto da Curiosity: foto, news e curiosità
Una giornata nella Mars Desert Research Station
L'uomo su Marte nel 2018: il sogno di un miliardario

23 giugno 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us