Spazio

Luna, più acqua del previsto

Nuove osservazioni del suolo lunare hanno trovato più acqua vicino ad antichi vulcani. Che sia un indizio della sua abbondanza nel mantello del nostro satellite?

Uno studio della Brown University pubblicato su Nature Geoscience ha evidenziato come numerosi depositi vulcanici sparsi sulla superficie della Luna contengano, se confrontati con il terreno circostante, quantità insolitamente elevate di acqua intrappolata al loro interno. L’individuazione dell’acqua in questi antichi sedimenti, verosimilmente formatisi a seguito dell’eruzione esplosiva di magma proveniente dall’interno della Luna, rafforza l’idea che il mantello del nostro satellite possa essere sorprendentemente ricco d’acqua.

“Biglie” vulcaniche lunari riportate a Terra dalla missione Apollo 15
“Biglie” vulcaniche lunari riportate a Terra dalla missione Apollo 15 © Nasa

La supposizione degli scienziati che l’interno della Luna fosse privo d’acqua e di composti volatili ha cominciato a vacillare una decina di anni fa, quando analisi effettuate con nuove tecnologie su rocce lunari vulcaniche vetrose riportate a Terra dalle missioni Apollo 15 e 17 vi avevano rilevato tracce d’acqua. Ulteriori studi successivi avevano poi evidenziato come quelle rocce contenessero quantità di acqua simili ad alcuni basalti terrestri. Rimaneva da capire se i campioni Apollo rappresentassero la regola oppure delle clamorose eccezioni.

strumento statunitense, sonda indiana Nello studio (in inglese), guidato da Ralph Milliken, i ricercatori hanno esaminato osservazioni satellitari di estesi depositi piroclastici lunari, mai campionati da missioni umane o robotiche. I dati sono stati ottenuti dal Moon Mineralogy Mapper, uno spettrometro a immagine sviluppato dalla stessa Brown University ma volato a bordo di Chandrayaan-1, la prima missione lunare indiana. La conclusione dei ricercatori è che la composizione chimica della maggior parte dei depositi piroclastici esaminati mostra tracce d’acqua, in media lo 0.05 per cento in peso. «La distribuzione di questi depositi ricchi di acqua è il punto chiave», spiega Milliken. «Sono sparsi su tutta la superficie, il che ci dice che l’acqua trovata nei campioni di Apollo non è una tantum. Il fatto che le rocce piroclastiche lunari sembrano essere universalmente ricche d’acqua suggerisce che lo stesso può essere vero per il mantello».

Le aree colorate indicano un contenuto di acqua elevato in confronto al terreno circostante. I color
Le aree colorate indicano un contenuto di acqua elevato in confronto al terreno circostante. I colori rosso e giallo indicano le abbondanze maggiori © Milliken lab / Brown University


ancora senza risposta L’idea che l’interno della Luna sia ricco d’acqua solleva questioni sulla formazione del nostro satellite. Gli scienziati ritengono che la Luna si sia formata dai detriti prodotti dall’impatto sulla Terra di un corpo delle dimensioni di Marte, agli albori del Sistema solare. Il calore sviluppato da quell’evento avrebbe dovuto volatilizzare tutto l’idrogeno presente, rendendo impossibile la formazione d’acqua. Ma così non è stato; oppure vi è stato un apporto d’acqua da comete e asteroidi prima che la Luna si solidificasse; o, ancora, un bombardamento di ioni di vento solare ha interagito con l’ossigeno formando molecole d’acqua; o un mix di tutte queste cose. In ogni caso, l’origine precisa dell’acqua contenuta nelle rocce lunari rimane ancora un grosso interrogativo.

Contenuto a cura di Media Inaf

26 luglio 2017
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us