Spazio

Luci misteriose fotografate dalla Stazione Spaziale Internazionale

Un video ripreso dalla Iss mostra due "luci sconosciute" transitare a 300 km di quota dalla superficie terrestre: non ci sono spiegazioni ufficiali.

L'Agenzia spaziale europea ha rilasciato un video realizzato in timelapse dall'astronauta francese Thomas Pesquet (Iss, Expedition 51), girato sopra la California. «La sequenza mostra un temporale con un gran numero di fulmini», spiega Pesquet: più o meno a metà del video si vedono piccole luci che sfrecciano nel cielo.

Interrogata sulla natura delle luci, l'Esa le ha definite probabili satelliti in attività, senza tuttavia fornire altri dettagli.

Bella scoperta! Perciò, nessuno afferma che siano satelliti, mentre sul fatto che siano in attività ci sono ben pochi dubbi: basta vedere come si muovono, in modo lineare e (dunque) controllato.

ufo, meteore, rottami spaziali, stazione spaziale internazionale
La "sfera della contessa": una illustrazione tratta da 7 avvistamenti di ufo italiani ancora inspiegabili.

Lo Space Debris Office dell’Esa ha fatto sapere che non dovrebbe trattarsi di “spazzatura spaziale” perché, dal tipo di luminosità, sembrano essere oggetti intatti. Detlef Koschny, ricercatore dello Space Situational Awareness Program dell’Esa, che studia gli oggetti naturali pericolosi che passano vicino alla Terra, ha detto che non si tratta di meteore, in quanto queste bruciano nell'atmosfera nell'arco di due o tre secondi, mentre le due luci catturate dal video sono rimaste visibili per decine di secondi (il video pubblico è però accelerato 25 volte e le due luci appaiono per pochissimo tempo). «Le meteoriti bruciano tra 80 e 110 km di altezza», commenta Koschny: «valutando la curvatura della Terra nella ripresa, quegli sembrano viaggiare a 300 km di altezza».

Non è spazzatura, non sono meteore. Allora sono probabili satelliti. In questo caso verrebbe però da chiedersi se davvero esistono satelliti di cui l'Esa non conosce esistenza e posizione, e di conseguenza anche com'è possibile che Esa, Nasa e Roscosmos facciano navigare la Stazione spaziale internazionale lungo un binario così tanto sconosciuto. Comunque, c'è anche un'altra ipotesi - certamente la preferita dalla Rete: che siano alieni?

27 aprile 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di curiosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us