Spazio

LightSail 2 ha messo le vele

Il satellite di Planetary Society ha dispiegato la vela solare ed ha iniziato a farsi spingere dall’energia emessa dal Sole.

Esattamente alle 20:22, come previsto dal piano di volo, LightSail 2, il satellite di Planetary Society, ha aperto la grande vela in polietilene tereftalato trasformando il satellite in una “barca stellare a vela solare”. Nei prossimi giorni sfruttando la spinta dei fotoni che arrivano del Sole, ossia l’energia emessa dalla nostra stella, la vela sposterà il satellite su di un’orbita sempre più ellittica rispetto all’attuale.

Planetary Society, microsonde, CubeSat, vele solari,m LightSail 2
Animazione (clicca sull'immagine per avviarla): il volo previsto per la vela solare, con le manovre di orientamento per restare sempre "sottovento". © Josh Spradling / The Planetary Society

Comportandosi proprio come la vela di una barca che sfrutta il vento dell’atmosfera terrestre non solo come forza motrice, ma anche per farle variare la direzione, la vela solare farà spostare il piccolo satellite dalla sua orbita attuale, a 720 chilometri di quota, dov'era stato lasciato lo scorso 24 giugno da un razzo Falcon Heavy di SpaceX.

Se tutto funzionerà come da programma, Planetary Society dimostrerà che è possibile sfruttare questa tecnologia per fare viaggiare sonde nel Sistema Solare.

L'Olandese volante, di Marco Locci
Un altro famoso veliero volante. © Marco Locci

Anche per andare Oltre. Non è la prima volta che viene lanciata una vela solare, ma non era mai stata spostata dalla sua orbita iniziale: il pregio di un sistema di propulsione di questo genere sta nel fatto che si può fare a meno del motore, del carburante e di tutto quanto serve al funzionamento del motore stesso, e questo va tutto a vantaggio del carico utile, che può essere aumentato a parità di potenza del razzo lanciatore. Secondo il direttore di Planetary Society, Bill Nye, «un’idea romantica per viaggiare nello Spazio è finalmente diventata realtà», e, del resto, con questo sistema è possibile spingersi ovunque nel Sistema Solare, e anche oltre, affermano a Planetary Society, pensando forse ad Alpha Centauri.

24 luglio 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us