Spazio

Le origini della macchia rossa di Plutone

La Cthulhu Regio, una delle regioni più riconoscibili del pianeta nano, potrebbe essersi formata dallo stesso impatto che formò Caronte.

La Cthulhu Regio, quell'area di colore rosso cupo e a forma di balena che si estende lungo l'equatore di Plutone, potrebbe essere stata causata dalla stessa collisione cosmica che diede origine a Caronte. È la conclusione di uno studio di varie istituzioni giapponesi pubblicato su Nature Astronomy.

Una mappa più ravvicinata della Cthulhu Regio. © Nasa/JPL

Pozzanghere asciutte. Le precedenti ipotesi vedevano nella macchia i residui di un corpo celeste finito, in passato, contro il pianeta nano. Ma il team di scienziati ha un'altra teoria: la regione scura sarebbe ciò che rimane delle piscine di composti organici che si formarono su Plutone dopo la collisione, complici le alte temperature dovute all'impatto.

esperimenti. Gli astronomi hanno ricreato in laboratorio analoghe "zuppe" di composti organici riscaldate molto a lungo a temperature elevate, e le hanno poi lasciate raffreddare per studiarne le trasformazioni. Diverse di queste, riscaldate per oltre 1000 ore a temperature di oltre 50 °C, somigliano all'attuale Cthulhu Regio.

Una genesi possibile. Simulazioni computerizzate hanno confermato che una collisione in grado di formare quella macchia avrebbe avuto forza sufficiente a conferire a Plutone la sua attuale inclinazione, e avrebbe potuto formare anche Caronte. Simili collisioni, secondo gli scienziati, potrebbero spiegare anche la vasta gamma di colori rintracciabili su vari grandi oggetti della Fascia di Kuiper.

7 febbraio 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us