Spazio

Le colline galleggianti di Plutone

Colline di ghiaccio d’acqua che galleggiano in un mare solido di azoto.
 

Plutone continua a riservarci sorprese. Dopo il “ghiaccio bollente” della regione di Sputnik Planum, ecco le colline di ghiaccio d’acqua, dei giganteschi iceberg che vanno alla deriva in un mare di ghiaccio di azoto.

Sulla base delle analisi delle immagini riprese lo scorso 14 luglio dalla sonda della NASA New Horizons durante il fly-by del pianeta nano, l'ipotesi che sta prendendo piede è che le numerose colline solitarie che costellano la pianura ghiacciata Sputnik Planum, all’interno del “cuore” di Plutone, potrebbero essere enormi frammenti di ghiaccio d'acqua staccatisi dai rilievi che fiancheggiano la vasta distesa glaciale e che costituiscono il lobo destro della Tombaugh Regio. Si tratterebbe di un’altra prova della complessa, dinamica e affascinante attività geologica presente sulla superficie del pianeta nano.

Moti complessi e lentissimi. Essendo costituite per lo più da acqua allo stato solido ed essendo quindi meno dense del ghiaccio di azoto che prevalentemente forma la vasta distesa in cui si trovano, le colline sarebbero in grado di galleggiare sullo strato di azoto che costituisce il fondale di Sputnik Planum, in maniera analoga agli iceberg terrestri nell'oceano Antartico, che lentamente scivolano in mare trasportati dai movimenti glaciali della terraferma.

Una volta raggiunto il cuore di Sputnik Planum, le colline sarebbero soggette ai moti convettivi dello strato di azoto, che le spingerebbero verso i bordi delle numerose celle in cui è frammentata la pianura. Qui, le colline si ammasserebbero, formando complessi larghi in media 20 km. Qua e là, si notano perfino catene di colline allineate lungo i percorsi solcati dai ghiacciai. La velocità degli spostamenti di queste colline è molto bassa, perciò possono impiegare milioni di anni per muoversi dalle regioni di origine ad altre aree distanti poche centinaia di chilometri.

Colline alla deriva. Un esempio notevole sono i Challenger Colles, situati nella porzione settentrionale della pianura e battezzati con questo nome in onore dell’equipaggio dell’omonima navetta spaziale esplosa nel gennaio 1986. Questo ammasso di rilievi di ghiaccio d’acqua misura circa 60 x 35 km e si trova oltre il terreno a struttura cellulare, quasi a toccare gli altopiani che costituiscono il bordo di Sputnik Planum. Gli addetti ai lavori ritengono che questo insieme di colline possa aver raggiunto una regione in cui lo strato di ghiaccio d'azoto è particolarmente sottile, tanto da non permettere a questi enormi blocchi di ghiaccio di scivolare ulteriormente.

Un corpo planetario congelato, ma attivo. Fenomeni come quello delle colline galleggianti mostrano un tipo di attività geologica ancora in corso su Plutone nonostante le bassissime temperature (circa – 230 °C).

Esso spiega perché i ghiacci nell’area a forma di cuore siano relativamente giovani, con un’età stimata attorno ai 10 milioni di anni. In attesa degli altri dati che la sonda New Horizons sta ancora trasmettendo, il quadro su questo remoto pianeta nano si sta comunque facendo sempre più chiaro.

9 febbraio 2016 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us