Spazio

L’asteroide Kleopatra: un “mucchio di sassi” con due satelliti

Il primo satellite in orbita attorno a un asteroide fu scoperto dalla sonda Galileo nell’agosto 1993, mentre era in viaggio verso Giove, durante il flyby...

Galileo

flyby

sono stati scoperti satelliti in orbita attorno a quasi 200 asteroidi.

Immagine dell'asteroide Kleopatra ottenuta dal telescopio Keck II. A sinistra l'immagine "grezza", a destra dopo l'elaborazione. In quest'ultima immagine, sono chiaramente visibili la forma estremamente allungata di Kleopatra e, in alto a destra, i due piccoli punti luminosi indicati dai numeri 1 e 2. Sono i due piccoli satelliti del diametro di circa 8 km.

le due mini-lune dell’asteroide (216) Kleopatra, uno dei 5 sistemi tripli finora conosciuti, hanno avuto origine in un periodo compreso tra 100 e 10 milioni di anni fa.

è stato possibile determinare la densità di Kleopatra.

3,6 g/cm3, un dato significativo che lascia ipotizzare la presenza di ampi spazi vuoti all'interno dell'asteroide.

il 30-50% del volume possa essere vuoto.

n insieme di frammenti tenuti assieme dalla mutua attrazione gravitazionale, in pratica un enorme “mucchio di sassi” ricoperto di regolite.

Immagini dell'asteroide Kleopatra ottenute dai dati radar a diverse fasi rotazionali. La sua forma è impressionante, assomiglia in tutto e per tutto ad un "osso di cane".

forma a “osso di cane”

circa 100 milioni di anni fa lo scontro obliquo con un altro asteroide ha impresso a Kleopatra un più veloce moto di rotazione attorno al proprio asse

l’asteroide avrebbe assunto la forma allungata bilobata, espellendo dalle estremità vari pezzi tra i quali le due lune attuali.

28 febbraio 2011 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us