Spazio

La Via Lattea e la Galassia Salsiccia: storia di uno scontro epocale

Tra 8 e 10 miliardi di anni fa la collisione che cambiò per sempre l'aspetto della nostra casa stellare: le cicatrici di quell'impatto sono venute alla luce grazie ai dati del telescopio astrometrico GAIA.

Immaginate le galassie come biglie disperse nell'immensa oscurità dello Spazio: ciascuna, nell'arco della sua storia, è destinata a sopportare molteplici collisioni. Alcuni di questi scontri galattici mutano l'aspetto delle famiglie stellari per sempre, e ora un gruppo internazionale di astronomi ha identificato e descritto uno di questi eventi che ha profondamente inciso sulla struttura della Via Lattea.

Lo studio del team guidato da Vasily Belokurov (Cambridge, UK) è spiegato in cinque diversi articoli scientifici, pubblicati su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, sull'Astrophysical Journal Letters e su arXiv.

La collisione in questione avvenne tra 10 e 8 miliardi di anni fa con una galassia nana, più piccola della Via Lattea ma decisamente massiccia, che finì totalmente smembrata dallo scontro (in cui la nostra galassia ebbe la meglio). Le prove di questo evento sono visibili dappertutto nella nostra casa stellare, perché l'incidente riplasmò sia il nucleo centrale della Via Lattea, sia il suo alone periferico.

La scoperta è stata resa possibile dallo studio dei dati del satellite astrometrico GAIA (Esa), collezionati nell'ambito di un progetto di mappatura 3D della Via Lattea che ha già studiato 1,7 miliardi di stelle. L'analisi di alcuni set di dati mostra alcune peculiarità nel moto e nelle caratteristiche orbitali di alcuni astri che suggeriscono che quelle stelle "vengono da fuori", cioè appartenevano a un'altra galassia.

L'insaccato impazzito. Dal loro movimento e dalla distribuzione si è dedotta la forma della galassia nana, che è stata soprannominata Sausage Galaxy, galassia salsiccia, per la struttura che è emersa tracciando la velocità delle sue stelle residue. Quando la "grande salsiccia" si disgregò, le sue stelle furono lanciate su orbite molto lunghe e strette, che le portano molto vicine al centro della Via Lattea.

In base alle simulazioni degli scienziati, l'impatto avrebbe fatto gonfiare o forse persino fratturare il disco della Via Lattea, portando a un accumulo di stelle nel centro (il bulge, il nucleo ricco di astri osservabile ancora oggi), e a una dispersione di altre stelle nell'alone periferico, con orbite molto allungate.

Osso duro. Per Belokurov, «i dati dimostrano che la galassia nana arrivò con un'orbita molto eccentrica (cioè allungata) e che il suo destino era segnato». Dalle analisi di Gaia è anche emerso che si trattava di una galassia molto massiccia, forse 10 miliardi di volte la massa del Sole tra stelle, gas e materia oscura - all'incirca la stessa massa della Grande Nube di Magellano, una delle più vicine galassie satelliti della Via Lattea.

L'ormai defunta Sausage Galaxy era così carica di materiale che ci ha lasciato almeno otto ammassi globulari (insiemi sferoidali ad alta concentrazione di stelle e sorretti da una forte gravità interna, che orbitano come satelliti attorno al centro di una galassia).

Le piccole galassie non hanno questo tipo di struttura: la nostra salsiccia è stata un'avversaria tosta.

9 luglio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us