Spazio

La sonda spaziale Juno è arrivata nel sistema di Giove

Juno ha iniziato il suo viaggio attorno al gigante del Sistema Solare. La sonda ha già invaito le prime foto e il video delle fasi di avvicinamento dove si vedono i satelliti scoperti da Galileo Galilei.

Dopo 5 anni e 2,8 miliardi di km di strada, Juno è finalmente alla meta: la sonda della Nasa ha agganciato con successo l'orbita di Giove. I tecnici del Jet Propulsion Laboratory (JPL) di Pasadena, in California, hanno salutato la notizia tra gli applausi, mentre Rick Nybakken, project manager della missione, ha commentato: «Siamo riusciti nell'impresa più difficile che la Nasa abbia mai tentato».

Le tappe cruciali. I dati preliminari indicano che la sonda ha eseguito al meglio le complesse manovre automatiche di accensione del motore principale e inserzione orbitale. La prima conferma della regolarità delle operazioni è arrivata con un segnale radio di tre secondi. Circa tre quarti d'ora più tardi, anche il secondo sospiro di sollievo: Juno aveva rivolto di nuovo i suoi pannelli solari verso il Sole, un'operazione indispensabile per il suo funzionamento. La telemetria dettagliata della sonda al momento non è ancora arrivata.

Foto di famiglia. La Nasa ha celebrato l'evento rilasciando un filmato catturato dalla JunoCam, la telecamera della sonda, durante l'approccio al sistema gioviano, prima del 30 giugno, quando per sicurezza tutti gli strumenti scientifici di Juno sono stati spenti (saranno riattivati nelle prossime 50 ore).

Lo potete vedere qui sotto: una danza tra Giove, al centro, e le sue lune principali, Ganimede (all'esterno), Europa, Callisto e Io (la più interna). Alcune di esse, come Callisto, sembrano "lampeggiare": è un effetto dovuto alle ottiche della JunoCam, puntate su soggetti molto piccoli; la luminosità del satellite era più tenue di quanto ci si aspettasse.

5 luglio 2016
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us