Spazio

Missione fallita: la sonda russa si è schiantata sulla Luna

L'agenzia spaziale russa ha comunicato di avere perso i contatti con la sonda Luna-25: la navicella si era inserita su un'orbita non prevista e si è schiantata sulla Luna.

La sonda russa senza equipaggio "Luna-25" si è schiantata contro la superficie lunare

Lo ha fatto sapere la stessa agenzia spaziale russa Roscosmos in un comunicato diffuso attraverso la piattaforma di messaggistica istantanea Telegram, dove specifica che sabato19 agosto era prevista una manovra che avrebbe consentito a Luna-25, di "inserirsi in un'orbita ellittica pre-aterraggio".

Fine delle comunicazioni. Domenica, intorno alle 13:57 ora italiana, la comunicazione con la sonda si è interrotta del tutto e tutti i tentativi messi in atto nelle ore successive per ripristinare il contatto non hanno dato risultati.

"Da un'analisi preliminare", spiega il comunicato di Roscosmos, "a causa di uno scostamento dei parametri dell'impulso rispetto ai calcoli, il dispositivo è passato a un'orbita non pianificata e ha cessato la sua esistenza dopo una collisione con la superficie della Luna".

L'agenzia russa aveva ammesso che la missione Luna-25 era rischiosa

Era la prima missione della Russia verso il nostro satellite naturale in quasi 50 anni e doveva essere una dimostrazione delle potenzialità del Paese nell'esplorazione planetaria. Se la missione fosse andata come da programma avrebbe portato la prima sonda in assoluto ad atterrare sul Polo Sud della Luna, un luogo ambito sia dagli Stati Uniti sia dalla Cina come area per la costruzione della prima base lunare. In quell'area infatti, esistono crateri ricchi di ghiaccio e forse anche metalli utili alle attività umane. 

Se avesse completato correttamente l'allunaggio, Luna-25 sarebbe stata la quarta missione russo/sovietica a raccogliere e analizzare campioni di suolo lunare con particolare riferimento alla presenza di acqua. 

Rischi noti. Roscosmos aveva riconosciuto ancora prima della partenza che la missione Luna-25 era rischiosa e poteva fallire. La sonda era stata lanciata dal cosmodromo di Vostochny nella regione dell'estremo oriente dell'Amur in Russia l'11 agosto scorso ed era entrata in orbita lunare con successo mercoledì della scorsa settimana.

La perdita della sonda russa è stato un duro colpo per Roscosmos

La perdita di Luna-25 è un duro colpo per Roscosmos. Il programma spaziale civile della Russia infatti, è in declino da diversi anni, poiché i finanziamenti statali sono sempre più focalizzati verso interessi militari e dopo aver rotto quasi ogni collaborazione con il mondo occidentale a seguito dell'invasione dell'Ucraina nel 2022, la Russia ha ridotto al minimo le proprie prospettive di ricerca spaziale. 

Se fosse andata bene... La missione sarebbe stata seguita da altre due, Luna-26 e Luna-27 che in futuro avrebbero dovuto aprire la strada all'arrivo di uomini sulla superficie lunare. In tutte le missioni era inizialmente coinvolta anche l'Europa, ma quest'ultima si era ritirata a seguito alla decisione del Consiglio dell'ESA dopo l'invasione russa dell'Ucraina.

Una commissione interministeriale appositamente creata indagherà sulle cause di questo insuccesso.

Nella sua "corsa" verso il Polo Sud lunare, la Russia era in competizione con l'India, la quale ha lanciato anch'essa una sua navicella, la Chandrayaan-3, che dovrebbe atterrare mercoledì prossimo 23 agosto alle 14:04 italiane (salvo modifiche di traiettoria dell'ultima ora). Questa missione ha in programma anche di depositare un rover sul suolo lunare, per esplorare le rocce e i crateri attorno al luogo di atterraggio e di raccogliere dati e immagini da inviare sulla Terra.

21 agosto 2023 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us