Spazio

Rosetta si è svegliata

La sonda Rosetta si è risvegliata e - dopo oltre 7 ore e mezza dalla "sveglia" - ha inviato il primo segnale a terra. E il primo "tweet". E ora è pronta a raggiungere la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

Prima niente per 31 mesi. Poi oltre mezz'ora di ritardo che ha innervosito e preoccupato gli scienziati dell'Esa.

Infine la telefonata a casa, trionfante, in cui la sonda Rosetta ha comunicato che si era svegliata regolarmente, era sana e salva e a 800 milioni di km da Terra. E soprattutto pronta a proseguire il suo viaggio verso la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

La sveglia - prevista dopo quasi 3 anni di ibernazione di quasi tutti i sistemi di Rosetta - ha puntualmente suonato alle 11 del 20 gennaio e la sonda dell'Esa, automaticamente, comandata da un suo orologio interno e senza segnali provenienti dalla Terra ha ripreso a funzionare compiendo una complessa serie di operazioni: prima di tutto il controllo dello stato dei suoi sistemi principali; poi la rotazione per acquisire il sole e le stelle necessarie al computer di bordo a stabilire la sua posizione nello spazio; e infine l'orientamento dei pannelli solari verso il Sole e dell’antenna verso Terra.

Il messaggio - partito da una distanza di oltre 800 milioni di km da Terra - è arrivato al centro di controllo ESOC alle 19.20 ora italiana, come detto con un po' di ritardo rispetto all'orario previsto tra le 18.30 e le 18.45.

Una volta giunta la "telefonata" dallo spazio profondo, i tecnici della sala di controllo dell'Esa hanno inviato una serie di comandi alla sonda e verificato il funzionamento di alcuni dei sistemi di bordo. In un'ora e mezza (il segnale ci mette almeno 45 minuti ad andare e altri 45 a tornare) gli scienziati dell'Esa hanno ricevuto un quadro completo e preciso dello stato di salute di Rosetta e del lander Philae. Godono entrambe di ottima salute.

I tweet di Rosetta

Come è ormai prassi consolidata di tutte le agenzie spaziali, ogni sonda ha anche un suo profilo Twitter che - nel caso di Rosetta - è rimasto per molti anni "ibernato" anch'esso. E oggi ha ripreso a funzionare, inviando i primi tweet nelle varie lingue europee. Eccoli!










La verifica dello stato dei suoi sistemi principali si è completata e così anche la rotazione della sonda.

Qui la diretta

Ti potrebbero interessare

20 gennaio 2014
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Albert Einstein amava la vita, la fisica e odiava le regole. Osteggiato in patria e osannato nel mondo, vinse molte battaglie personali e scientifiche. A cento anni dal Nobel, il ritratto del più
grande genio del Novecento che ha rivoluzionato le leggi del tempo e dello spazio. E ancora: la storia di Beppe Fenoglio, tra scrittura e Resistenza; l'impresa di Champollion, che 200 anni fa decodificò la stele di Rosetta e svelò i segreti degli antichi Egizi; contro il dolore, la fatica, la noia: le droghe naturali più usate nel corso dei secoli.

ABBONATI A 29,90€

Il sonno è indispensabile per rigenerare corpo e mente. Ma perché le nostre notti sono sempre più disturbate? E a che cosa servono i sogni? La scienza risponde. E ancora: pregi e difetti della carne, alimento la cui produzione ha un grande impatto sul Pianeta; l'inquinamento e le controindicazioni dell’energia alternativa per gli aerei; perché ballare fa bene (anche) al cervello. 

ABBONATI A 31,90€
Follow us