Spazio

L'aurora extrasolare

Un’aurora boreale su una nana bruna, un astro che è una via di mezzo tra una stella e un grande pianeta gassoso.

Gli Inuit pensano che le aurore boreali siano provocate dagli spiriti dei morti mentre danzano. Certo è difficile non pensare a qualcosa di misterioso quando si osserva questo fenomeno dal vivo.

Eppure, le aurore boreali sul nostro pianeta sono niente rispetto a quanto avviene su LSR J1835 + 3259, una nana bruna che si trova a 18 anni luce da noi. Su quell’astro, che non è una stella (non ci sono reazioni nucleare al suo interno), né un pianeta (è troppo grande per esserlo), da qui il termine nana bruna, vi sono aurore boreali 10.000 volte più imponenti di quelle terrestri. La scoperta è stata realizzata da ricercatori del California Insitute of Technology di Pasadena utilizzando dati del radiotelescopio Karl Jansky Very Large Array del Nuovo Messico, del telescopio Hale di monte Palomar, in California, e del telescopio Keck alle Hawaii.

I meccanismi che producono aurore boreali su Giove sono simili a quelle che si verificano sulla nana bruna. © Aura/Stsci

Più simili a quelle di Giove. Secondo gli astronomi le aurore della nana bruna sarebbero prodotte da processi che si verificano nella magnetosfera dell’astro, a una quota molto superiore a quella delle aurore che si hanno sulla Terra.

L’energia dissipata da un'aurora di LSR J1835 + 3259 è di almeno quattro ordini di grandezza superiore a quella prodotta dalle aurore polari che si verificano nella magnetosfera di Giove. Spiega Stuart Littlefair : «Sembra che vi sia in atto un meccanismo simile a quello che scatena le aurore su Giove, ma è almeno 10.000 volte più potente».

Un'aurora boreale terrestre. © travellingaround.org

Un altro mistero. Le aurore terrestri si manifestano quando particelle cariche che arrivano dal Sole entrano nel campo magnetico del Terra, dove vengono accelerate lungo le linee del campo magnetico stesso fino ad acquistare un'energia sufficiente per ionizzare gli atomi di gas colpiti, producendo le caratteristiche emissioni luminose.

L'aurora di LSR J1835 + 3259 è invece probabilmente alimentata da un processo differente: forse un effetto dinamo all'interno dell'atmosfera, ancora poco compreso, più simile però, come dicono i ricercatori, a quello visto sui pianeti più grandi del nostro Sistema Solare, Giove e Saturno.

12 agosto 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us