La nostra galassia sta "suonando" come una campana

È la conseguenza di un fenomeno ancora da capire: l'impatto con un’altra galassia? O forse lo scontro con agglomerati di materia oscura?

via-lattea_illustrazione
La Via Lattea sta vibrando come una campana in seguito ad uno scontro con un "oggetto" avvenuto circa 100 milioni di anni fa. Ma con cosa si scontrò? | WikiMedia

Da circa 100 milioni di anni fa a oggi la Via Lattea, la nostra galassia, sta vibrando come fosse una campana. Le possibili cause sono due: le conseguenze dello scontro con una piccola galassia che ci faceva da satellite oppure l'impatto con un corpo estremamente ricco in materia oscura (la materia che sappiamo esistere nell’Universo, ma di cui non conosciamo la composizione). In un caso o nell'altro, l'evento diede origine a echi di risonanza che sono stati colti da due campagne osservative (Sloan Digital Sky Survey e Dark Energy Survey) che sfruttano telescopi installati in New Mexico (Usa) e in Cile.

 

Un’onda gigantesca. Spiega Brian Yanny del Fermi National Laboratory: «Abbiamo la certezza che la parte della Via Lattea in cui si trova il Sistema solare sta vibrando, ma al momento non siamo riusciti a mettere in luce le cause. Abbiamo scoperto infatti, che esistono anomalie nella distribuzione stellare della Via Lattea sopra e sotto il piano mediano della Galassia, le quali hanno l’aspetto di una gigantesca onda verticale. Qualcosa che non era mai riscontrato precedentemente».

 

Via Lattea: dimensioni e posizione del Sole nella Galassia
Illustrazione schematica: le dimensioni della Via Lattea e la posizione del Sole rispetto al centro galattico. | Luigi Bignami

Che lo scontro possa essere avvenuto con una galassia nana satellite non è impossibile: a oggi, infatti, sono state scoperte circa 60 “galassie nane” che orbitano attorno alla nostra galassia ed è ormai certo che alcune in passato impattarono con la Via Lattea. D'altra parte si ha la certezza anche dell'esistenza di agglomerati di “materia oscura” in orbita attorno alla Via Lattea, nonostante gli agglomerati stessi siano invisibili e rilevabili sono dal loro effetto gravitazionale. La sfida ora è capire: chi tra questi possibili "candidati" ci tamponò?

 

18 agosto 2019 | Luigi Bignami