Spazio

​La Nasa seleziona le patate da coltivare (forse) su Marte

Cento varietà di tuberi che crescono sulle Ande verranno coltivate in un laboratorio simulando l'atmosfera marziana. Quelle che passeranno il test potrebbero finire sul Pianeta Rosso.

Dopo il successo della lattuga sulla ISS, la Nasa prosegue i suoi esperimenti "agricoli" per capire se la verdura potrà essere coltivata nello spazio. Questa volta è il turno delle patate: da marzo l'agenzia americana, insieme all'International Potato Center (CIP) peruviano, condurrà degli esperimenti in un laboratorio di Lima per capire se le patate potranno essere coltivate su Marte.

Il Campo di Marte. La Nasa e il CIP hanno selezionato cento varietà di tuberi: quaranta originarie delle Ande, abituate a riprodursi anche in un terreno arido e roccioso, e sessanta geneticamente modificate per resistere a diversi patogeni e sopravvivere con poca acqua e sale. Una tonnellata di queste patate sarà trasportata in uno speciale laboratorio a Lima dove verrà simulata l'atmosfera marziana, prevalentemente composta da anidride carbonica. Qui i tuberi verranno esposti a intense radiazioni ultraviolette e fatti crescere in un ambiente estremo.

Risultati a lungo termine. Al termine dell'esperimento verranno selezionate le varietà che sono sopravvissute e che, soprattutto, sono riuscite a riprodursi in queste condizioni critiche. Se nessuna patata dovesse superare il test, si ripeterà la prova con un altro metodo di coltivazione, probabilmente lo stesso utilizzato per le verdure di Project Veggie. «I risultati concreti arriveranno tra un anno o due» ha dichiarato Julio Valdivia Silva, astrobiologo della NASA. In tempo per la prossima missione su Marte.

22 febbraio 2016 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us