Spazio

La NASA ha acceso un radiofaro sulla L­una. Che cos'è e a cosa servirà?

Nella recente missione condotta con la società privata Intuitive Machines, La NASA ha testato un sistema di posizionamento che renderà più sicura l'esplorazione della Luna.

A febbraio 2024, poco prima che la sonda IM-1 di Intuitive Machines atterrata sulla Luna morisse, la NASA ha acceso con successo un radiofaro (un trasmettitore radio che trasmette costantemente un segnale su una precisa frequenza, ndr) presente sulla navicella per sperimentare un sofisticato sistema di posizionamento che renderà più sicuro per gli astronauti dell'era Artemide l'esplorazione e la permanenza umana sulla superficie lunare. Il sistema chiamato "Nodo Lunare 1" o LN-1 è un apparato autonomo destinato a fornire una rete di comunicazione in tempo reale sul nostro satellite permettendo a sonde in orbita lunare, sulla Luna e persino a singoli astronauti sulla superficie, di comunicare tra loro dando modo di verificare con estrema precisione la loro posizione, sia che siano fissi, sia che siano in movimento, come ad esempio quando si sposteranno su rover.

Sulla Luna. «Questo sistema rappresenterebbe un netto miglioramento rispetto ai tradizionali trasmettitori di dati radio che fanno riferimento alla Terra», hanno affermato i ricercatori della NASA. Sarebbe un grande passo in avanti per localizzare ogni struttura e ogni persona, e ciò sarebbe di estrema importanza se si pensa alle difficoltà che ebbero gli astronauti delle missioni Apollo scesi sulla Luna, i quali non sapevano dire esattamente a quale distanza si trovava il loro rover o il loro modulo lunare, in un paesaggio quasi ovunque grigiastro.

La prova. L'esperimento è stato messo alla prova il 15 febbraio 2024, dopo essere stato trasportato sulla Luna come carico utile dal lander Nova-C, chiamato Odysseus, che era atterrato con successo (anche se poi si era inclinato di 30° a causa della rottura di un sostegno di una delle sei zampe del lander) il 22 febbraio, vicino a Malapert A, un cratere da impatto lunare in prossimità della regione del Polo Sud della Luna. Nell'occasione aveva realizzato il primo atterraggio commerciale americano senza equipaggio sul nostro satellite naturale. Il lander ha trascorso i giorni successivi sulla superficie conducendo sei dimostrazioni scientifiche e tecnologiche, tra cui LN-1, prima di spegnersi ufficialmente il 29 febbraio.

Un problema c'è stato. Durante il viaggio translunare dell'IM-1, la squadra della NASA aveva condotto test giornalieri del radiofaro LN-1. Il piano originale poi, prevedeva che il carico utile trasmettesse 24 ore su 24 dal momento dell'atterraggio fino all'esaurimento dell'energia di bordo. La Deep Space Network (DSN) della NASA, la rete di antenne radio internazionali, avrebbe ricevuto quel segnale, in media, per 10 ore al giorno (per motivi tecnici e di posizione delle antenne).

Ma a causa dell'orientamento del lander all'atterraggio, l'LN-1 ha condotto solo due trasmissioni di 15 minuti dalla superficie. 

Le antenne del DSN comunque hanno agganciato con successo il segnale, fornendo telemetria, misurazioni di navigazione e altri dati ai ricercatori del Jet Propulsion Laboratory della NASA e della Morehead State University di Morehead, nel Kentucky. «Questo sistema ha anche fornito un backup fondamentale al sistema di navigazione di bordo dell'IM-1», ha osservato Susan Lederer, scienziata del progetto CLPS presso il Johnson Space Center della NASA a Houston, «in quanto ha trasmesso i dati di posizionamento del veicolo spaziale durante l'itero volo translunare ai ricevitori del Deep Space Network della NASA presso i complessi Goldstone e Madrid Deep Space Communications a Fort Irwin, California, e Robledo de Chavela, in Spagna.

20 marzo 2024 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us