Spazio

La ISS è pulita, ma i batteri si trovano bene

Uno studio sulla presenza di microrganismi a bordo della base orbitante ha messo in luce una quantità inaspettata di batteri che potrebbero diventare dannosi per gli astronauti.

Dove ci sono uomini e donne, per quanto puliti, ci sono sempre anche batteri. La Nasa ha voluto capire quali organismi invisibili all'occhio umano esistano sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), per verificare se essi possano essere nocivi per l'uomo, soprattutto in vista dei lunghi viaggi interplanetari.

L'esito della ricerca è in parte inaspettato: all'interno della stazione orbitante sono stati rilevati batteri che, se sulla Terra risultano per lo più innocui, a bordo della ISS possono provocare infezioni e irritazioni alla pelle. Non tanto per un diverso comportamento nello spazio, ma per le quantità presenti negli ambienti ristretti della base.

L'attività fisica a bordo della ISS produce un aumento della comunità batterica © Nasa

più diffusi in orbita. In campioni di polvere prelevati dai filtri dell'aria della ISS sono stati immessi coloranti che hanno permesso di verificare se le cellule presenti erano vive o morte. Questo ha dato modo ai ricercatori del Jet Propulsion Laboratory della Nasa di misurare dimensioni, quantità e diversità di batteri e funghi presenti nell'ambiente della stazione spaziale.

Le analisi genetiche hanno dimostrato che gli Actinobacteria, un tipo di batteri associati alla pelle umana, costituivano un'ampia parte del microbioma della ISS: in altre parole, in orbita se ne trova una comunità molto più ricca di quella presente nelle "camere bianche", gli ambienti controllati della Nasa in cui vengono costruite parti della ISS.

Il motivo è dovuto al fatto che le camere bianche hanno procedure di pulizia molto più rigorose di quelle compiute a bordo della stazione orbitante, non fosse altro per il fatto che l'aria immessa nelle camere bianche è sempre "nuova", mentre quella della ISS è riciclata in continuazione.

NESSUN PERICOLO. Al momento, chiariscono i ricercatori, non c'è alcun rischio per gli astronauti, «ma questo tipo di ricerca permetterà di capire se le comunità batteriche possano arrecare danni agli astronauti e problemi alle strumentazioni», spiega Kasthuri Venkateswaran, autore della ricerca. Ora questo aspetto dell'abitabilità della ISS sarà tenuto sotto più stretto controllo, per verificare se la comunità batterica aumenti con il tempo o se tenda invece a stabilizzarsi dopo un certo periodo.

27 ottobre 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us