Spazio

Roscosmos: la fine della sonda Phobos-Grunt

La sonda, che doveva raggiungere Marte e la sua luna, Phobos, non ha mai iniziato il lungo viaggio: è bruciata nel rientro incontrollato a Terra.

Dopo due mesi e una settimana è terminata la breve vita della sonda Phobos-Grunt, il cui ambizioso obiettivo era quello di prelevare e riportare sulla Terra campioni di suolo da Phobos, il più grande dei satelliti di Marte: la sonda è bruciata in atmosfera alle 18:45 ora italiana, nei cieli del Pacifico sud-orientale, a circa 1.300 km a ovest dell’isola di Wellington (Cile meridionale).

La conferma arriva da fonti russe, americane e dell’Agenzia spaziale europea (Esa), i cui esperti stanno controllando i dati relativi all’impatto con l’atmosfera e all’eventuale caduta di frammenti. In precedenza l’agenzia spaziale russa Roscosmos aveva indicato genericamente l’Atlantico meridionale come zona dell’impatto.

marte, pianeta rosso, sistema solare
Le ultime tre orbite della sonda: quella centrale è l'ultima prima dell'ingresso in atmosfera. © Roscosmos

La sonda era stata lanciata lo scorso 8 novembre dal cosmodromo russo di Baikonur, in Kazakistan, assieme a un piccolo satellite cinese.

Phobos-Grunt non ha mai preso la strada per il Pianeta Rosso a causa del malfunzionamento dell’ultimo stadio del vettore Fregat (è la motivazione ufficiale), che l’aveva portata su di un orbita di parcheggio attorno alla Terra. Tutti i tentativi fatti per risolvere il problema sono falliti e la sonda ha iniziato una lenta discesa incontrollata che l’ha infine portata inesorabilmente a bruciare in atmosfera. Con ogni probabilità alcuni frammenti sono finiti nell’oceano. Prima di precipitare, la sonda Phobos-Grunt ha sorvolato l'Italia. Secondo la Protezione Civile, la probabilità che un frammento cadesse sul nostro Paese era dell'1,7%.

15 gennaio 2012 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us