La complessa geologia di Plutone

Le nuove foto di New Horizons rivelano particolari ancora più complessi della superficie del pianeta nano e delle sue lune.

nh-spherical-mosaic-9-10-151nh-surface-features-9-11-15nh-chaos-region-9-10-15nh-dark-areas-9-10-15nh-charon_9-10-15nh-twilight_9-10-15nh-composite-haze-image-9-10-15Approfondimenti
nh-spherical-mosaic-9-10-151

Una visione "sintetica" di Plutone basata sulle ultime immagini inviate da New Horizons. Questo è ciò che vedremmo a 1.800 km dall'equatore del pianeta nano: in basso, l'area ricca di crateri della Cthulhu Regio, in alto le pianure ghiacciate dello Sputnik Planum, da 80 mila km di quota.

nh-surface-features-9-11-15

Un dettaglio della regione informalmente ribattezzata Sputnik Planum, dall'aspetto liscio e luminoso. Intorno, una ricca varietà di terreni più scuri e ricchi di crateri. L'intera area fotografata in questo mosaico di immagini si estende per 1600 km.

nh-chaos-region-9-10-15

A nordovest dello Sputnik Planum si trova quest'area caratterizzata da una superficie accidentata, rugosa e ricca di fratture. La foto immortala una regione di 470 km. La più piccola conformazione geologica nell'immagine misura 0,8 km.

nh-dark-areas-9-10-15

L'intero catalogo di superfici visibili su Plutone in un'unica foto. Si notino le caotiche aree montuose alternate a zone scure e ricche di crateri e ad aree più chiare e apparentemente lisce. Sono visibili anche ipotetiche dune che paiono scolpite dal vento.

nh-charon_9-10-15

Caronte così come è apparso alla sonda 10 ore prima dell'approccio più vicino, a 470 mila km di distanza. Anche in questo caso è deducibile un passato geologico complesso: lo si nota dalle fratture forse di origine tettonica sulla superficie, da aree che sembrano più riflettenti, zone più lisce e altre più ricche di crateri.

nh-twilight_9-10-15

L'immagine processata in due diversi modi mostra in che modo il bagliore atmosferico diffuso e multistrato di Plutone può aiutare a osservare particolari del lato notturno del pianeta nano. La foto di destra è stata resa ancora più chiara per mostrare dettagli a ridosso del terminatore, la linea che separa il giorno dalla notte.

nh-composite-haze-image-9-10-15

Due diverse versioni dell'atmosfera di Plutone fotografata dalla sonda 16 ore dopo il fly-by. La foto di sinistra è stata meno processata di quella di destra, che invece mostra i diversi strati dell'atmosfera del pianeta nano. Il polo nord di Plutone si trova in alto, dove è visibile parte della superficie del pianeta attraverso il riverbero crepuscolare.

Una visione "sintetica" di Plutone basata sulle ultime immagini inviate da New Horizons. Questo è ciò che vedremmo a 1.800 km dall'equatore del pianeta nano: in basso, l'area ricca di crateri della Cthulhu Regio, in alto le pianure ghiacciate dello Sputnik Planum, da 80 mila km di quota.