Spazio

La capsula Dragon potrebbe essere utiizzata per prelevare campioni di roccia da Marte

Il progetto per portare sulla Terra dei campioni di materiale marziano prelevato dai Rover.

Una variante della capsula Dragon, la navicella di SpaceX che trasporta rifornimenti (e presto anche persone) sulla Stazione Spaziale Internazionale, potrebbe aiutare gli scienziati a recapitare sulla Terra materiale raccolto sul suolo marziano.


L'idea non è del tutto nuova, ma è stata rilanciata nei giorni scorsi da alcuni scienziati della Nasa che, nel corso di una conferenza presso l'Ames Research Center, hanno parlato della possibilità di spedire su Marte un capsula dotata di braccia robotiche, per prelevare campioni da un rover già presente sul posto.


Andata e ritorno. Da tempo nei laboratori dell'Ames Research Center della Nasa stanno pensando a una missione sul Pianeta Rosso che sfrutti un razzo Falcon di nuova generazione e, come lander, una capsula Dragon opportunamente modificata, la cosiddetta Red Dragon.


Su Marte la navicella si incontrerebbe con un rover in missione esplorativa, per "farsi consegnare" sassi, polveri e altri elementi da portare sulla Terra. Le braccia artificiali permetterebbero inoltre di estrarre ulteriori campioni direttamente dal terreno marziano.


Obiettivo 2020. Lo scenario disegnato dagli ingegneri della Nasa, la cui fattibilità è al momento difficile da decifrare, prevede che Red Dragon lavori a braccetto con il rover della missione Mars 2020. Ma si tratta appunto di un'ipotesi, perché al momento il lander è un semplice concept su carta.


Il patron di SpaceX Elon Musk, che non è mai stato coinvolto in prima persona nel progetto, ha comunque dato la sua benedizione all'idea, cinguettando via Twitter che la capsula Dragon V2 «è concepita per atterrare su ogni tipo di superficie (liquida o solida) nel sistema solare. Sono felice di vedere che qualcuno pensi a possibili applicazioni».

21 settembre 2015 Davide Decaroli
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us