Spazio

La campagna per ristampare il "verme" della Nasa

Due designer americani hanno lanciato una raccolta fondi per far rivivere il testo con le istruzioni per usare la sigla della Nasa in vigore dal 1975 al 1992. E l'iniziativa ha riscosso un successo strepitoso.

Il "verme": sinuoso, evocativo e decisamente rivoluzionario. Non stiamo parlando di invertebrati, ma del logo della Nasa elaborato da Richard Danne e Bruce Blackburn nel 1974.

Dal 1975 il logo della Nasa chiamato affettuosamente worm (il "verme") ha firmato alcune tra le più grandi esplorazioni spaziali della storia tra cui quelle condotte dagli Shuttle, per poi andare in pensione nel 1992. In quell’anno il suo posto venne ripreso dal precedente logo, usato fino al 1975, e chiamato la "polpetta".


Resuscitiamo il verme. Jesse Reed e Hamish Smyth, due designer di Pentagram amanti della vecchia grafica della Nasa, hanno deciso di tentare una riesumazione speciale. Con i fondi raccolti tramite Kickstarter si sono impegnati a ristampare il manuale originale contenente gli standard e le istruzioni per utilizzare il "verme" sulle attrezzature della Nasa, dalle tute degli astronauti, agli Shuttle.

Quanto bisogna offrire per riavere tra le mani una copia del mitico librone? 79 dollari, poco più di 70 euro.

L'attuale logo della Nasa: la sfera blu rappresenta un pianeta, mentre le stelle raffigurano lo spazio. Lo chevron rosso simboleggia un'ala supersonica, intorno a cui orbita un veicolo spaziale. © Nasa


Ascesa e caduta della polpetta. In realtà, il logo soprannominato meatball ("polpetta") non è affatto recente. Ideato nel 1959 da James Modarelli, da quell’anno venne scelto per rappresentare l'agenzia americana fino al 1975, quando si sentì l’esigenza di rinnovare il volto dell’ente aerospaziale con un simbolo più moderno. Tuttavia, dopo quasi due decenni di supremazia del "verme", nel 1992 l’amministratore della Nasa Dan Goldin fece un passo indietro e decise di riprendere il vecchio logo della "polpetta", più didascalico e immediato.

9 settembre 2015 Silvia Malnati
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us