L'Italia vista dallo spazio: le foto di Nespoli

Com'è l'Italia vista dallo spazio? Ce lo racconta Paolo Nespoli, l'astronauta milanese a bordo della ISS dallo scorso 15 dicembre, in una serie di scatti spettacolari che ha inviato sulla Terra qualche giorno fa. Napoli, il Salento, la Sardegna, Roma sono illuminate da migliaia di puntini luminosi che a Nespoli ricordano un addobbo natalizio. Le immagini di questa fotogallery sono state scattate tra il 24 e il 29 dicembre con una reflex digitale professionale da 12,1 MP.
Paolo Nespoli rimarrà a bordo della Stazione Spaziale internazionale fino al prossimo mese di maggio, ma non avrà tempo per annoiarsi: nella sua agenda, oltre alle operazioni di ricevimento di due cargo spaziali, più di 30 esperimenti su dinamica dei fluidi, radiazioni, biologia e test di attrezzature tecnologiche (guarda come vivono gli astronauti a bordo della ISS e... come fanno la pipì;). Le sue giornate possono essere seguita in diretta su Twitter, dove l'astronauta racconta la vita a bordo della ISS e dialoga con gli internauti.

In questa immagine l'Italia meridionale e centrale.

Un'altra spettacolare immagine dell'Italia che, tramite Twitter, Paolo Nespoli dedica a tutti gli italiani del mondo.

Napoli e il Vesuvio.

La Pianura Padana vista da sopra il mar Tirreno. Perfettamente distinguibili le aree urbane di Torino e Milano.

L'Italia centrale e la costa adriatica.

Roma (a destra) e Napoli (a sinistra) viste dalla costa tirrenica.

"Una foto speciale per gli amici sardi" commenta Paolo su Twitter.

Ancora l'Italia centrale: si distinguono perfettamente Firenze, Roma e Napoli.

La penisola salentina. Vuoi sapere quando la ISS passa sopra di te? Clicca qui

Una di queste scie luminose spicca per brillantezza e importanza: è quella della ISS, la Stazione Spaziale Internazionale catturata durante il suo passaggio nei cieli del Regno Unito nella notte tra l'11 e il 12 giugno scorso. L'acqua e la nebbia hanno amplificato il riflesso della nostra postazione orbitante nello spazio, immortalata grazie alla pazienza del fotografo britannico Mark Humpage. La ISS si trova a una distanza di circa 400 chilometri dalla superficie terrestre e nelle serate limpide è possibile vederla passare sopra le nostre teste a occhio nudo, con le sembianze di una stella che si sposta nel cielo. I momenti migliori per scorgela sono, secondo gli esperti dell'ESA, appena dopo il tramonto e appena prima dell'alba, quando intorno a noi è buio mentre la ISS è illuminata dal Sole.
Aggiornamento al 29 giugno 2011: ieri pomeriggio un rottame spaziale di dimensioni non ben precisate è passato a meno di 250 metri dalla ISS, con una velocità di 7,5 chilometri al secondo. Allertato dalla base, l'equipaggio si è subito rifugiato nelle navicelle Soyuz pronto a eventuali manovre di fuga. Fortunatamente la collisione non è avvenuta e la situazione sulla base orbitante è tornata alla normalità. Il rischio di contatto con uno dei tanti detriti cosmici è un pericolo reale per gli astronauti della ISS. Si calcola che le probabilità di collisione con un oggetto pericoloso siano del 10% in dieci anni.

Ogni giorno, a causa della velocità orbitale della nostra stazione spaziale orbitante, osservano il Sole sorgere e tramontare 16 volte. Ma se ogni alba è spettacolare quanto questa, senz'altro gli astronauti della ISS non si annoiano. La foto che vedete è stata scattata dal cosmonauta statunitense Ron Garan il 27 agosto scorso. La Stazione Spaziale Internazionale completa un'orbita intorno alla Terra ogni 90 minuti circa, alla velocità media di 27.700 chilometri orari. Nell'arco delle 24 ore, le albe e i tramonti sono quindi 16, e nelle ore notturne, gli oblò vengono oscurati per evitare che la luce della nostra stella disturbi i bioritmi degli astronauti.
Guarda anche una foto della Luna dalla ISS
Un hotel nello spazio... a cinque stelle (vai alla gallery)

Per un Soyuz che atterra, ce n'è uno che parte. Questa è la foto del rientro della navicella Soyuz TMA-02M vicino alla città di Arkalyk nel nord del Kazakistan, il 22 novembre scorso. Le luci del personale di terra puntate verso la capsula brillano nella neve come piccole luminarie natalizie.
A novembre il Soyuz ha riportato sulla Terra tre membri dell'equipaggio della ISS, lo statunitense Michael Fossum, il russo Sergey Volkov e l'astronauta giapponese Satoshi Furukawa. Oggi un'altra navicella, il Soyuz TMA-03M, porterà sulla Stazione Spaziale Internazionale altri tre cosmonauti che vanno ad aggiungersi all'equipaggio già presente a bordo: il turkmeno Oleg Kononenko, l'olandese Andre Kuipers e lo statunitense Don Pettit, che trascorreranno il Natale nello spazio.
Lo spettacolo dell'Italia vista dallo spazio
Un hotel spaziale a cinque stelle: vai alla gallery

Com'è l'Italia vista dallo spazio? Ce lo racconta Paolo Nespoli, l'astronauta milanese a bordo della ISS dallo scorso 15 dicembre, in una serie di scatti spettacolari che ha inviato sulla Terra qualche giorno fa. Napoli, il Salento, la Sardegna, Roma sono illuminate da migliaia di puntini luminosi che a Nespoli ricordano un addobbo natalizio. Le immagini di questa fotogallery sono state scattate tra il 24 e il 29 dicembre con una reflex digitale professionale da 12,1 MP.
Paolo Nespoli rimarrà a bordo della Stazione Spaziale internazionale fino al prossimo mese di maggio, ma non avrà tempo per annoiarsi: nella sua agenda, oltre alle operazioni di ricevimento di due cargo spaziali, più di 30 esperimenti su dinamica dei fluidi, radiazioni, biologia e test di attrezzature tecnologiche (guarda come vivono gli astronauti a bordo della ISS e... come fanno la pipì;). Le sue giornate possono essere seguita in diretta su Twitter, dove l'astronauta racconta la vita a bordo della ISS e dialoga con gli internauti.

In questa immagine l'Italia meridionale e centrale.