Spazio

Kelt-9b, il più caldo pianeta gigante

Due volte più grande di Giove, è assai più rovente di molte stelle conosciute: è la più calda destinazione scoperta finora nella nostra galassia.

Siamo abituati alla scoperta di esopianeti con caratteristiche paragonabili a quelle del nostro sistema: ma l'ultimo arrivato nella famiglia dei mondi conosciuti della Via Lattea è decisamente fuori dalle righe. Kelt-9b, due volte più grande di Giove, ha una temperatura superficiale di oltre 4300 °C e una gigantesca coda di materiale vaporizzato dietro di sé: è di gran lunga il pianeta più rovente scoperto finora.

Il sistema Kelt-9b in un'illustrazione artistica. L'esopianeta (sulla destra) è tre volte più massiccio di Giove ma con la metà della sua densità. La vicina stella lo fa gonfiare come un soufflé. © Nasa/JPL-Caltech/R. Hurt (IPAC)

La scoperta. L'hanno individuato gli astronomi dell'Ohio State University puntando i Kilodegree Extremely Little Telescope (KELT) - due osservatori robotici situati in Arizona e Sud Africa - in direzione di una stella nella costellazione del Cigno, a 650 anni luce da noi. La loro scelta è stata un po' in controtendenza: con i suoi 10.000 °C di temperatura, l'astro Kelt-9 è due volte più caldo del Sole, una caratteristica che solitamente porta a concentrare le osservazioni altrove, su stelle più fredde che abbiano maggiori chance di ospitare pianeti abitabili.

Temperature da record. Kelt-9b orbita molto vicino alla sua stella, completando un giro ogni giorno e mezzo e mostrandole sempre la stessa faccia, costantemente bombardata di luce blu e ultravioletta. Come risultato, questo lato del pianeta è simile, come temperatura, a una stella relativamente calda, e risulta più rovente della maggior parte degli astri conosciuti; quello sempre in ombra, invece, è comunque più caldo di una stella tiepida come Proxima Centauri.

Il pianeta con la coda. Le continue radiazioni della stella sono sufficienti a far evaporare l'atmosfera di Kelt-9b strappandole 10 milioni di tonnellate di materiale al secondo. L'espansione dell'astro potrebbe, nei prossimi 200 milioni di anni, ridurre questo mondo a un semplice e nudo nucleo, che finirà inglobato nell'astro oppure continuerà ad orbitarvi intorno. Insomma le prospettive a lungo termine del pianeta non appaiono rosee.

6 giugno 2017 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us