In volo a zero G

Abbiamo partecipato a uno dei voli parabolici dell’Agenzia Spaziale Europea e sperimentato – seppure per poco – cosa vuol dire stare in assenza di gravità. L'articolo principale si trova qui

foto3foto-8foto2foto-7foto-4foto9foto5foto-6foto1Approfondimenti
foto3

L'Airbus A310 per il volo ZERO G. Precedentemente di proprietà del governo tedesco, era utilizzato per i viaggi del Cancelliere. Ora, leggermente modificato, viene usato dall’ESA e ha base a Bordeaux. I voli vengono compiuti di solito sull’Atlantico.

foto-8

Nella cosiddetta zona di free floating o galleggiamento a corpo libero.

foto2

La rotta del volo ZERO G su flightradar24.com.

foto-7

A testa in giù, nella cosiddetta zona di free floating o galleggiamento a corpo libero.

foto-4

Il vostro inviato con la telecamera a 360 gradi ben salda sulla testa.

foto9

Esperimenti durante fase di caduta libera.

foto5

Particolare dell'esperimento condotto a bordo.

foto-6

Particolare dell'esperimento condotto a bordo.

foto1

Gli studenti del Progetto SatLeash – Politecnico di Milano. Da Destra: Vincenzo Pesce, Paolo Lunghi, Michèle Lavagna (docente), Simone Rafano, Andrea Bellanca, Riccardo Benvenuto.

L'Airbus A310 per il volo ZERO G. Precedentemente di proprietà del governo tedesco, era utilizzato per i viaggi del Cancelliere. Ora, leggermente modificato, viene usato dall’ESA e ha base a Bordeaux. I voli vengono compiuti di solito sull’Atlantico.
Approfondimenti