Spazio

La Luna in fondo a una piscina: ecco dove si allenano gli astronauti

Una piscina profonda come un palazzo di tre piani, in Germania: qui si riproducono le condizioni di gravità ridotta per consentire agli astronauti di allenarsi in vista di un ritorno sulla Luna.

Con i suoi 10 metri di profondità (parliamo della stessa altezza di una palazzina di 3 piani) è una delle piscine più profonde che siano mai state costruite in Europa: parliamo dell’impianto NBF (Neutral Buoyancy Facility) dell'Agenzia spaziale europea ESA presso l'European Astronaut Centre, vicino a Colonia, in Germania.

Chi ci nuota dentro? Da tre anni la piscina è il campo di allenamento per gli astronauti impegnati nel progetto Moondive, che ha l'obiettivo di simulare alcune delle attività che potrebbero svolgere durante possibili missioni future sulla Luna. Grazie a speciali tute, è stato possibile ricreare le condizioni prodotte dalla forza di gravità lunare (che è un sesto di quella terrestre). Non è, quella di Colonia, l'unica piscina con queste caratteristiche: in Cina, Stati Uniti e Russia ce ne sono di analoghe e sono sfruttate dagli astronauti per allenarsi nelle attività extraveicolari da svolgere durante le passeggiate spaziali fuori dalla ISS, la Stazione Spaziale Internazionale.

L'astronauta Matthias Maurer
L'astronauta Matthias Maurer nelle fasi che precedono una passeggiata spaziale simulata, nel Neutral Buouancy Facility di Colonia. © Esa

Come sulla Luna o su Marte. Spiega Hervè Stevenin, responsabile della formazione e delle operazioni al NBF: «Questo impianto è straordinario perché qui è possibile non solo riprodurre l’assenza di gravità di lunga durata, quella che provano gli astronauti quando compiono le passeggiate spaziali, ma anche la cosiddetta gravità parziale, come quella lunare o marziana.

È possibile far sì che anche le attrezzature usate dagli astronauti siano soggette a "galleggiamento negativo", cioè che siano attratte dalla ridotta gravità». In altre parole la piscina funziona, oltre che da impianto di addestramento per gli astronauti, anche come banco di prova per verificare la funzionalità di nuove attrezzature.

Ritorno sulla Luna. Per costruire queste attrezzature (strumenti e tute) l'Esa si è rivolta alla Comex, una società francese specializzata in esplorazione umana e robotica in ambienti estremi. Dopo aver raccolto le informazioni necessarie (studiando nei dettagli anche le missioni Apollo degli anni Sessanta e Settanta) tecnici e ingegneri hanno a punto gli speciali scafandri che hanno permesso agli astronauti-subacquei di muoversi proprio come facevano gli astronauti sulla Luna. L’NBF fa parte di una serie di risorse (inclusi simulatori virtuali) che l'Esa sta mettendo a punto in vista di future missioni umane sul nostro satellite naturale.

Alcune fasi dell'attività svolta dagli astronauti durante il progetto Moondive. © Esa
19 aprile 2018 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us