Spazio

Il test DART per deviare l'asteroide è stato ancora più efficace di quanto sembrasse

Durante il test di difesa planetaria condotto nel 2022 dalla Nasa, l'asteroide Dimorphos è stato deviato dalla sua traiettoria più del previsto, dimostrando la bontà della strategia.

Ricordate la missione DART (Double Asteroid Redirection Test) della Nasa? Nel settembre del 2022, dopo anni di pianificazione, l'agenzia ha condotto un test in cui ha fatto schiantare una sonda contro Dimorphos, un asteroide del sistema solare, in orbita attorno a un asteroide più grande, Didymos. Lo scopo? Deviare la traiettoria dell'asteroide stesso, alterandone il periodo orbitale di circa 7 minuti.

Oltre le aspettative. Che la missione sia stata un successo era apparso fin da subito: la prova aveva in effetti dimostrato come una simile strategia potesse risultare efficace nel caso in cui un asteroide dovesse entrare in rotta di collisione con il nostro Pianeta. Ora la pubblicazione di alcuni articoli scientifici sulla rivista scientifica Nature (a cui hanno partecipato anche da ricercatori di ASI, INAF, IFAC-CNR, Politecnico di Milano, Università di Bologna e Università Parthenope) testimonia come i risultati del test siano andati oltre le aspettative.

Come descritto in uno degli articoli ad opera dall'astronoma planetaria Cristina Thomas della Northern Arizona University, il cambiamento nel periodo orbitale è stato molto più incisivo di quello che ci si aspettava. Dimorphos, infatti, ora orbita attorno a Didymos 33 minuti più velocemente rispetto a prima dell'impatto.

C'è altro. Questa variazione, che risulta dunque  maggiore rispetto alle previsioni, non può essere spiegata solo dal trasferimento di quantità di moto prodotto dal veicolo spaziale DART sull'asteroide stesso (cioè dalla sola energia portata dalla sonda), ma ci deve qualcos'altro deve avere contribuito. Cosa?

In risposta a questo quesito un articolo scritto dall'astronomo Jian-Yang Li del Planetary Science Institute mostra i risultati di uno studio dettagliato dell'ejecta, ossia del materiale che è stato espulso dall'asteroide a seguito dell'impatto esplosivo. L'asteroide è stato dunque accelerato non solo dall'esplosione, ma anche dal materiale polveroso che per quasi due settimane dopo l'impatto Dimorphos ha continuato a espellere nello spazio, come una cometa molto secca (per una quantità che, secondo un altro studio, ammonta a 0,3-0,5 % della massa totale).

Materiale ed energia. Un altro studio, realizzato dall'astronomo Andrew Cheng del Laboratorio di Fisica applicata della Johns Hopkins University, va oltre e sostiene che proprio quel materiale espulso è stato il responsabile della maggior parte del cambiamento nell'orbita del sistema binario di asteroidi. Quel materiale in fuga infatti, ha trasferito più slancio a Dimorphos di quanto ne sia stato trasferito dalla navicella DART durante il momento dello scontro. 

Nella missione DART ha giocato un ruolo molto importante il Cubesat LiciaCube, la missione dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) che ha catturato le immagini ravvicinate dell'impatto tra la sonda e l'asteroide.

 

7 marzo 2023 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us