Spazio

Buon compleanno Spitzer

Il telescopio spaziale Spitzer compie 10 anni: lanciato nel 2003, doveva lavorare per 30 mesi prima di spegnersi, ma continua invece a stupirci con immagini sensazionali e importanti scoperte scientifiche.

Portato nello spazio 10 anni fa da un razzo Delta II, il Telescopio Spaziale Spitzer è il quarto progetto, dopo Hubble, Compton e Chandra, realizzato all’interno del programma Grandi Osservatori della NASA.
In questi 120 mesi di attività i suoi occhi a infrarossi hanno permesso agli scienziati di studiare comete, asteroidi, stelle e pianeti e di portare a termine scoperte sorprendenti, sia nello spazio vicino che in quello lontano.

Bassi consumi. Costato 670 milioni di dollari, Sptizer non ha mai deluso le aspettative degli astronomi: la missione originale doveva durare 2 anni e mezzo, esattamente quanto le riserve di elio disponibili a bordo del telescopio e necessarie per mantenere basse le temperature di tutta la strumentazione.
Spitzer si è però dimostrato molto più parsimonioso del previsto e ha terminato la scorta di gas solo nel 2009. E da allora, anche se alcuni dei suoi apparati sono diventati inutilizzabili, ha continuato comunque a trasmettere a Terra le immagini riprese con la strumentazione a onda corta.
E’ stata sufficiente una riconfigurazione dei sistemi di bordo per permettere al telescopio di continuare a lavorare “a caldo”, realizzando immagini comunque di ottima qualità.
[Come funzionano i telescopi spaziali?]

Sptizer: le foto più belle
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Che cosa ha scoperto. L’elenco dei risultati scientificamente importanti ottenuti da Spitzer è lungo: il primo risale al 2005, quando catturò per la prima volta la luce diretta di due pianeti extrasolari, HD 209458 b e TrES-1b. Prima di allora la loro esistenza era stata solo ipotizzata con il metodo della velocità radiale.
Nel 2007 gli strumenti all’infrarosso del telescopio hanno misurato per la prima volta la temperatura atmosferica dell’esopianeta HD 189733ab e nel 2009 hanno permesso di scorprire il più grande degli anelli di Saturno: un ammasso di polvere e gas invisibile con gli strumenti ottici. E l’anno successivo Spitzer rivela agli scienziati la presenza nel cosmo di una micromolecola di carbonio fino ad allora sconosciuta: il fullerene (per sapere che cos’è clicca qui).
[Nel 2016 il primo telescopio sulla Luna]

Chi era Spitzer?
Chiamato inzialmente Space Infrared Telescope Facility, il telescopio fu ribattezzato con il suo attuale nome 3 mesi dopo la messa in orbita in onore di Lyman Spitzer, uno dei più grandi astrofisici del XX secolo e padre dei telescopi spaziali, che aveva inziato a teorizzare già negli anni ‘40.

Il futuro. Nei prossimi anni questo strumento giocherà un ruolo fondamentale nel mappare le stelle in formazione nella Via Lattea e nell’individurare asteroidi adatti ad essere catturati e parcheggiati vicino alla Terra per essere studiati. Già nel prossimo mese di ottobre i suoi occhi saranno puntati su 2009 DB, uno dei candidati per questa futuristica missione.

30 agosto 2013 Rebecca Mantovani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Come sarebbe stata (e sarebbe) la nostra vita senza cani, gatti, cavalli, topi, api, scimmie? Abbiamo girato la domanda direttamente a loro, gli animali, per farci raccontare che cosa e quanto hanno fatto per l'uomo fin dalla notte dei tempi. Perché non c'è evento, guerra, scoperta, epidemia che si possa ripercorrere senza valutare il ruolo svolto dagli altri abitanti del Pianeta.

ABBONATI A 29,90€

Perché viaggiamo? L'uomo viaggia da sempre con gli scopi più diversi, ma solo da poco tempo lo fa anche per divertirsi. E tu, che viaggiatore sei?Scoprilo con il test. E ancora: come sono i rifugi antiatomici della Svizzera e degli Usa; come si gioca la guerra dell’informazione nel Web; perché i Sapiens sono rimasti l’unica specie di Homo sulla Terra; gli amici non sono tutti uguali perché il rapporto con loro dipende dalla personalità, dal sesso e dal tempo che si passa insieme. Fai il test: che tipo di amici hai?

ABBONATI A 31,90€
Follow us