Spazio

La costante di Hubble ha il vizio di cambiare

Il suo valore ci permette di calcolare l'età dell'Universo, la sua velocità di espansione e altri fondamentali: purtroppo, benché costante nello Spazio il suo valore è variabile nel tempo.

Molte cose ultimamente stanno mettendo in crisi l'astronomia, dalla materia oscura (insomma, c'è o non c'è?) alla costante di Hubble, un valore straordinariamente variabile (per essere una costante) che permette di calcolare la velocità di espansione dell'Universo, la sua età, la distanza tra galassie e cose simili.

Al di là delle approssimazioni, il suo valore pare ballerino e studi diversi danno valori anche molto differenti. L'ultimo proposto da un nutrito team di ricercatori coordinati da Geoff Chen (dip. di Fisica della University of California, Davis) non è da meno, anzi: se ciò che lo studio suggerisce fosse confermato, l'intero castello delle nostre convinzioni in materia di struttura dell'Universo ne uscirebbe malconcio.

materia oscura, materia ordinaria, energia oscura, universo
Se pensate che la questione di una costante ballerina non sia già una complicazione sufficiente, vedete un po' l'ipotesi dell'energia oscura e del multiverso. © Jaime Salcido/simulations by the EAGLE Collaboration

Lo studio, pubblicato sulle pagine della Royal Astronomical Society, mostrerebbe che "la costante di Hubble è costante in tutto l'Universo in un determinato momento, ma varia con il tempo". Tra le altre cose, questo spiegherebbe perché presenta valori diversi se la si misura con strumenti diversi, che a seconda di "dove" guardano osservano l'Universo in momenti anche molto distanti tra loro e perciò trovano valori discordanti.

Il team, diviso in due gruppi, ha utilizzato due sistemi diversi: l'Hubble Space Telescope e il telescopio WM Keck delle Hawaii. Hanno lavorato separatamente, puntando agli stessi oggetti, e alla fine entrambi i gruppi sono giunti allo stesso valore: 76,8 chilometri al secondo per megaparsec. Lo stesso gruppo aveva ottenuto nel 2017 un valore differente (71,9 chilometri al secondo per megaparsec), puntando però a oggetti diversi. Valori comunque molto diversi da quelli ottenuti con una tecnica completamente differente, basata su calcoli che prendono spunto dalla radiazione cosmica di fondo, che portava a un valore di 67,4.

Non lasciatevi fuorviare dai piccoli numeri: 4 o 9 chilometri al secondo in più o in meno su migliaia di miliardi di chilometri potrebbero sembrare una piccolezza, ma non è così. Se la costante di Hubble è più vicina ai valori misurati con la radiazione cosmica di fondo le ipotesi del Modello Standard dell'Universo (che descrive la materia e le interazioni tra i suoi componenti) stanno in piedi; in caso contrario ci sarebbero molte cose da rivedere - meno che effettivamente il valore non cambi col trascorrere del tempo: un'ipotesi che chiuderebbe infine la questione, ma ancora da confermare.

31 ottobre 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us