Spazio

Il mistero del doppio cratere lunare che dovrebbe essere singolo

Mesi fa un "rottame spaziale" si è schiantato sulla Luna. Ora una sonda ha fotografato l'area dell'impatto e... qualcosa non torna: perché il cratere è doppio?

S'infittisce il mistero sull'oggetto che il 4 marzo del 2022 si è schiantato sulla Luna. Fin da quando venne individuato, a fine 2021, furono avanzate varie ipotesi su cosa potesse essere quell'oggetto che dalla Terra stava viaggiando verso il nostro satellite naturale, dove sarebbe precipitato di lì a qualche mese. Si disse che poteva essere un secondo stadio di un razzo di SpaceX, il Falcon 9, che era stato catturato dalla gravità lunare, ma (in alternativa) non si poteva escludere che si trattasse di uno stadio della missione lunare cinese Chang'è 5. Nessuna società o ente spaziale comunque, aveva confermato alcuna ipotesi. 

Perché due? In ogni caso, come previsto, l'oggetto è precipitato sulla Luna e forse nessuno ne avrebbe più parlato per i prossimi decenni o secoli, quando, magari, una missione umana sulla Luna non fosse andata a visitarlo da vicino per scopi scientifici. E invece ecco che arrivano le prime immagini dell'area dove l'oggetto è precipitato, riportando il caso di attualità.

La sonda Lunar Reconnaissance Orbiter della NASA infatti, che dal 2009 ruota attorno alla Luna fotografandola ad elevata risoluzione, è passata sopra al luogo di impatto e ha raccolto alcune immagini. E alcune sono sorprendenti: anziché produrre un cratere singolo, come ci si sarebbe aspettato, l'oggetto ne ha prodotti due, uno di 18 metri di diametro e l'altro di 16 metri. Cosa c'è di tanto "misterioso" in tutto ciò? Semplicemente il fatto che la massa di uno stadio di un normale razzo si concentra in unico punto, cioè là dove si trovano i motori e questo dovrebbe far sì che all'impatto con il suolo si produca un solo cratere.

Crateri Apollo sulla Luna
Quattro fotografie con i crateri prodotti dagli impatti dei terzi stadi delle ,issioni Apollo. Come si vede si formarono solo crateri singoli, mai doppi. © Nasa/Goddard/Università statale dell'Arizona

Del resto, a suo tempo, gli stadi delle missioni Apollo che vennero fatti precipitare appositamente sulla Luna allo scopo di creare terremoti artificiali da misurare con i sismometri che erano stati portati sul nostro satellite, non avevano mai prodotto crateri "doppi".

Un razzo diretto... dove? Cosa è caduto allora, stavolta, sulla Luna? Le ipotesi per spiegare l'esistenza di due crateri ravvicinati non hanno ancora trovato conferma, ma c'è chi propende per la possibilità che siano stati prodotti dall'impatto di un razzo che aveva ancora una sonda a bordo, destinato verso Marte o verso Venere, ma rimasto "imbrigliato" nel gioco della gravità Terra-Luna. Oppure potrebbe trattarsi di un unico stadio, di cui va ben analizzata (e compresa) la dinamica dell'impatto, che al momento non trova alcuna giustificazione logica.

4 luglio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us