Spazio

Il ghiaccio (spostato) dei poli lunari

Il nostro satellite presenta depositi di ghiaccio sotterranei leggermente distanti da entrambi i poli, e perfettamente agli antipodi: la prova, forse, di una passata oscillazione dell'asse di rotazione lunare.

Quel poco di ghiaccio che rimane sotto la superficie di Marte e Mercurio si trova situato ai poli, e la ragione è semplice: in queste regioni i raggi solari arrivano alla massima inclinazione, e sono meno concentrati.

stessa distanza. Ci aspetteremmo che sulla Luna accada lo stesso. Invece sul nostro satellite i depositi di ghiaccio subsuperficiale si trovano spostati di 5,5 gradi dal polo nord, e nella stessa, identica posizione al polo sud. I dati presentati la scorsa settimana nel corso della Lunar and Planetary Science Conference, farebbero pensare a un passato spostamento dell'asse di rotazione lunare, e con esso dei poli.

«Queste concentrazioni sono collocate esattamente agli antipodi» spiega Matthew Siegler, del Planetary Science Institute. «La spiegazione più facile è che un tempo, in quei punti, ci fossero i poli».

posizione sospetta. Gli scienziati hanno utilizzato le mappe della superficie lunare raccolte dalla sonda della NASA Lunar Prospector tra il 1998 e il 1999. Le deboli emissioni di neutroni - indicanti la presenza di idrogeno, e con esso, di acqua - localizzate in quei punti hanno fatto subito pensare a ghiaccio sotterraneo. Ma nessuno prima d'ora si era accorto che i due depositi acqua solida si trovassero alla medesima distanza dai poli, in due punti diametralmente opposti e simmetrici.

antica eruzione. Quando quel ghiaccio si formò, secondo gli scienziati doveva trovarsi ben centrato sui poli. A spostarlo di lì non fu un asteroide (gli impatti noti furono troppo deboli e decentrati) ma forse un'eruzione sotterranea proveniente da un "punto caldo" del sottosuolo lunare che 3,5 miliardi di anni fa eruttò grandi quantità di lava, dando origine all'Oceanus Procellarum, una grande macchia scura visibile ancora oggi sulla faccia "vicina" della Luna.

cambiamento antico. Il calore avrebbe creato un cambiamento di densità nel mantello lunare causando l'oscillazione dell'asse di rotazione, insieme allo spostamento dei poli. Se questa teoria fosse confermata, vorrebbe dire che il ghiaccio lunare è più antico di quanto si pensi e che si trova sul nostro satellite da prima di 3,5 miliardi di anni fa (si pensa che la Luna abbia circa 4,5 miliardi di anni).

domande aperte. Come può il ghiaccio essersi conservato così a lungo? Potrebbe essere rimasto incapsulato nella roccia sotto forma di minerali idrati (la cui struttura cristallina incorpora acqua) o essere stato protetto e isolato da strati di regolite (una miscela di polveri fini che ricopre il suolo lunare).

25 marzo 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us