Spazio

Il bacio mortale tra due giovani stelle

Le immagini mai viste di due stelle che ruotano una attorno all’altra, e così vicine da scambiarsi materiale stellare. Potrebbero presto finire la loro storia fondendosi in un’unica gigantesca stella oppure trasformarsi in due buchi neri che continueranno ad orbitare una attorno all’altra.

Distano dalla Terra 160.000 anni luce e si trovano nella Nebulosa Tarantola, nella Grande Nube di Magellano. Sono nate danzando e continuano a farlo ancora oggi ruotando una attorno all’altra nell’arco di un solo giorno (vedi video a fine notizia).

Sono state scovate da poco da un team di ricercatori internazionali guidato da Leonardo Almeida dell'Università di São Paulo, Brasile, utilizzando il Very Large Telescope dell'ESO.

Ma se ci si fermasse a questa caratteristica non sarebbe granché, visto che nel nostro Universo sono più le stelle binarie (ossia stelle doppie che ruotano reciprocamente una attorno all’altra) che quelle semplici, come il nostro Sole. In realtà le due stelle sono tra le più estreme mai scoperte.

STELLE RECORD. I due astri sono separati da soli 12 milioni di chilometri, che in termini astronomici sono un’inezia, e hanno una temperatura superficiale di 40.000 °C (quella del Sole è di 6.000°C).

Una stella binaria "classica". Generalmente la più piccola succhia materiale da quella più grande. Questo non succede in VFTS 352 perché le due stelle hanno un'identica massa © Creative Commons

L'aspetto più interessante è che le due stelle hanno creato un ponte tra loro attraverso il quale si scambiano in continuazione del materiale. Questa situazione si è venuta a creare perché i due oggetti hanno dimensioni quasi identiche. Generalmente, infatti, stelle doppie si comportano in modo diverso: la più piccola assorbe materiale dalla più grande.

Complessivamente le due stelle hanno una massa che è paragonabile a 57 volte quella del nostro Sole. Astri come VFTS 352, questa la sigla data al sistema binario appena scoperto, giocano un ruolo chiave nell'evoluzione delle galassie perché si pensa che siano i maggiori produttori di elementi come l'ossigeno.

PRIMO SCENARIO DI MORTE. Ma cosa succederà a queste due stelle? Secondo gli astronomi si potrebbero evolvere in due modi diversi. Il primo lo spiega Hugues Sana, dell'Università di Leuven (Belgio): «La vita di VFTS 352 potrebbe terminare con la fusione delle due stelle, che produrrebbe una singola stella gigante in rapida rotazione, forse con un campo magnetico elevato. Se continua a ruotare rapidamente potrebbe concludere la propria esistenza con una delle esplosioni più energetiche dell'Universo, note come “lampi di luce gamma di lunga durata».

In altre parole si avrebbe dapprima la nascita di una stella gigante e poi la fine di questa attraverso una spaventosa esplosione.

Il punto in cui è stato trovato VFTS 352 nella costellazione di Magellano. © ESO/M.-R. Cioni/VISTA Magellanic Cloud survey

SECONDO SCENARIO DI MORTE. La seconda possibilità è spiegata da Selma de Mink, dell'Università di Amsterdam: «Se le due stelle sono sufficientemente compatte potrebbero continuare a vivere singolarmente. Questo porterebbe VFTS 352 in un nuovo percorso evolutivo completamente diverso dalle previsioni classiche dell'evoluzione stellare. Le due stelle potrebbero terminare la propria vita con una esplosione di supernova, formando un sistema binario stretto di buchi neri.

Un oggetto così notevole sarebbe una sorgente molto intensa di onde gravitazionali».

Quale sarà la reale strada futura è difficile dirlo oggi e l’unico mezzo per riuscire ad individuare il vero futuro dell’evoluzione di VFTS 352 è quello di tenerlo continuamente sotto controllo. Ed è quello che si propongono i ricercatori dell’ESO.

Dove si trova e com'è fatto il sistema binario (1:14)

21 ottobre 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us