Spazio

Il bagliore invisibile dell'Universo è quello dell'idrogeno, che pervade il Cosmo

Il Very Large Telescope ha visto una distante porzione dell'Universo risplendere della radiazione dell'idrogeno: gli astronomi pensano che ci siano enormi nubi di idrogeno in tutto l'Universo primordiale.

Lo spettrografo MUSE del VLT (Very Large Telescope, in Cile) ha permesso di osservare il bagliore di immensi ammassi di idrogeno. L'area indagata (vedi l'immagine qui sopra) è quella dell'Hubble Ultra Deep Field ma gli astronomi credono che lo stesso bagliore sia presente in tutto l'Universo.

Distante e antico. Guardando molto lontano è possibile per gli astronomi osservare luce partita miliardi di anni fa, quando il cosmo era molto più giovane. Proprio a questo mirava il team internazionale che ha puntato il MUSE verso il fazzoletto di cielo dell'Hubble Ultra Deep Field, alla ricerca della radiazione dell'idrogeno nell'Universo primordiale.

Nessuno si aspettava un bagliore così esteso. L'idrogeno è sì l'elemento più abbondante nel cosmo (è l'ingrediente principale delle stelle), ma il team di astronomi è rimasto sorpreso della sua diffusione. È infatti presente attorno a tutte le migliaia di galassie inquadrate.

Bagliore nel buio. «È una grande scoperta», ha dichiarato uno dei membri dell'equipe, Themiya Nanayakkara: «la prossima volta che guarderete un cielo notturno senza Luna e vedrete le stelle, immaginate il bagliore invisibile dell'idrogeno: il primo elemento costitutivo dell'Universo, che illumina l'intera volta celeste».

telescopio spaziale Plank, universo, Big Bang
Il telescopio spaziale Plank ha calcolato la costante di Hubble per l'Universo primordiale: vedi anche il volto dell'Universo appena nato. © ESA

Questi dati saranno utili per conoscere i meccanismi di formazione galattica e per mappare la materia oscura. «Con queste osservazioni del MUSE stiamo ottenendo una visione completamente nuova dei "bozzoli" di gas diffuso che circondano le galassie nell'Universo primordiale», aggiunge il collega Philipp Richter.

Autografo. Distinguere l'idrogeno è stato possibile grazie alla radiazione Lyman. Quando l'elettrone dell'atomo di idrogeno passa a un orbitale più vicino al nucleo perde una precisa quantità di energia: emette quindi una radiazione dello spettro elettromagnetico che è come una firma luminosa. Gli spettrografi servono proprio a riconoscere queste firme e il MUSE è uno spettrografo estremamente preciso.

Tuttavia non è chiaro agli astronomi cosa inneschi il passaggio di orbitale nell'idrogeno di queste nubi spaziali. «Effettueremo misurazioni ancora più sensibili», si propone Lutz Wisotzki, coordinatore dello studio: «Vogliamo scoprire come questi vasti serbatoi cosmici di idrogeno atomico si siano distribuiti nello Spazio.»

7 ottobre 2018 Davide Lizzani
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us