Spazio

IBM e l’esplorazione del cosmo

La storia del legame tra IBM e la ricerca spaziale.

Contenuto a cura di

Il 21 luglio 1969 Neil Amstrong e Edwin ‘Buzz’ Aldrin mettono piede sulla Luna. È l’impresa che corona decenni di sforzi dedicati alla conquista dello spazio, dietro i quali c’è tutta l’innovazione tecnologica di cui il genere umano può disporre. Al successo della Nasa contribuisce anche IBM con 4000 dipendenti e con sistemi hardware e software dispiegati a Cape Canaveral, Houston, Washington e Huntsville, dove si producono i razzi.

È di IBM, per esempio, il sistema di guida inerziale e di controllo del Saturn V che porta in orbita gli astronauti: un ‘piccolo’ gioiello tecnologico di 6,7 metri di diametro, 90 centimetri di altezza e 1800 chilogrammi che non ha eguali in fatto di miniaturizzazione, robustezza e affidabilità, potendo garantire un tempo medio tra i guasti di oltre 40mila ore.

È questo il cervello che gestisce i motori, l’espulsione degli stadi, e tutti i parametri per la corretta traiettoria del razzo. La mole di informazioni prodotte durante il viaggio, così elevata da dover essere a una sorta di stenografia elettronica, viene invece gestita a Houston con 5 mainframe System/360. Il loro compito è tradurre, calcolare e valutare l'insieme dei dati, minuto dopo minuto, trasferendoli ai display dei controllori di volo impegnati nella guida della navicella dall'orbita terrestre a quella lunare. Nel frattempo, a 240mila chilometri dal Texas, lo stesso tipo di computer processa i dati per la discesa di Apollo 11, ne permette l’aggancio con il modulo di comando e ciò che servirà per il ritorno sulla Terra. Il sogno di generazioni di uomini può dirsi compiuto, grazie alla tecnologia informatica.


Oggi il legame tra IBM e l’esplorazione del cosmo continua sotto altre forme. L'azienda, per citare un esempio, è partner di Astron nel progetto Dome che sta sviluppando un supecomputing con capacità di calcolo pari a milioni di miliardi di operazioni al secondo.

La macchina è destinata allo SKA (Square Kilometre Array), il consorzio incaricato di costruire il più grande radiotelescopio del mondo. Atteso per il 2024, sarà 50 volte più sensibile e 10mila volte più veloce di ogni strumento oggi in funzione, e potrà produrre una quantità di dati da 10 a 100 volte superiori a quelli del Large Hadron Collider del Cern. Ciò che occorre per esplorare l'evoluzione delle galassie, indagare la materia oscura e comprendere meglio le origini dell'Universo.

5 ottobre 2015
Tag scienza - spazio - ibm
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

ll ritratto, le scoperte, il viaggio sul brigantino Beagle di Charles Darwin, il grande naturalista che riscrisse le leggi della vita e sfidò il pensiero scientifico e religioso del suo tempo. E ancora: la mappa delle isole linguistiche in Italia, per capire dove e perché si parla cimbro, occitano, grecanico o albanese; niente abiti preziosi, gioielli e feste: quando l'ostentazione del lusso era vietata; ritorno a Tientsin, un angolo di Cina “made in Italy”.

ABBONATI A 29,90€

La scienza sta già studiando il futuro di chi abiterà il nostro Pianeta. Le basi lunari e marziane saranno il primo step per poi puntare a viaggi verso stelle così lontane da richiedere equipaggi che forse trascorreranno tutta la vita in astronavi-città. Inoltre: quanto conta il sesso nella vita di coppia; i metodi più efficaci per memorizzare e ricordare; perché dopo il covid l'olfatto e il gusto restano danneggiati. E come sempre l'inserto speciale Focus Domande&Risposte ricco di coriosi quesiti ai quali rispondono studi scientifici.

ABBONATI A 29,90€
Follow us