Scienza

I giorni neri dell'Agenzia spaziale russa

Dopo un fine settimana difficile, con due missioni fallite, un avvio di settimana positiva per la Roscosmos, che vive un periodo molto complesso.

Una buona notizia, e due un po' meno, arrivano in quello che non è esattamente un periodo idilliaco per la Roscosmos, l'agenzia governativa russa responsabile delle ricerche aerospaziali.

Sospiro di sollievo. Partiamo dalle note positive: questa mattina intorno alle 3:00 ora italiana, si è conclusa positivamente la manovra di correzione dell'orbita della ISS necessaria alle operazioni di sbarco dell'Expedition 43, che riporteranno sulla Terra Samantha Cristoforetti, l'americano Terry Virts e il russo Anton Shkaplerov.

L'operazione, che richiedeva l'accensione dei motori della capsula russa Progress M-26M, agganciata alla ISS, è stata compiuta con successo dopo che un primo tentativo di riavvio dei motori della navicella era fallito, venerdì 15 maggio.

La posizione di attracco della Progress M-26M in uno schema della Nasa. © Nasa

Grave precedente. Gli astronauti a fine missione potranno quindi tornare sulla Terra dopo il rinvio del rientro di alcune settimane, dovuto al mancato attracco, e alla perdita della Progress M-27M (Progress 59), partita il 28 aprile 2015 da Baikonur e disintegratasi in atmosfera l'8 maggio, insieme al prezioso carico di rifornimenti che doveva trasportare fino alla ISS.

Pioggia sul bagnato. Ma alla prima mancata riaccensione dei motori della Progress M-26M e alla distruzione del cargo gemello si è aggiunto, sabato, un altro incidente che farà saltare qualche testa ai vertici della Roscosmos. Un razzo vettore Proton-M si è disintegrato in Siberia a pochi minuti dalla partenza di un lancio che doveva portare in orbita il satellite messicano per le comunicazioni MexSat-1.

Schianto al veleno. Le cause dell'incidente sono ancora da chiarire, ma per la Roscosmos il vettore avrebbe registrato i primi problemi a 500 secondi dal lancio; l'ultimo stadio del razzo, ancora carico di diverse tonnellate di eptile, un propellente altamente tossico, si sarebbe schiantato nella regione siberiana di Chita, a poche ore dal mancato riavvio dei motori della Progress (fortunatamente risoltosi questa mattina).

Nuove leve cercasi. La Roscosmos sta affrontando un periodo di forte rinnovamento, ma secondo alcune fonti, 20 anni di tagli ai finanziamenti avrebbero ostacolato il ricambio generazionale del personale, necessario a rimpiazzare specialisti assunti nell'era sovietica.

18 maggio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

In viaggio con Dante Alighieri: per scoprire il “suo” Medioevo, seguirlo sulla via dell'esilio e capire i motivi che lo spinsero a scrivere la Divina Commedia, pietra miliare della lingua e della letteratura italiana. E ancora: i segreti di Madame Claude, la maitresse più famosa di Parigi che “inventò” le ragazze squillo; nella Napoli di Gioacchino Murat, il cognato coraggioso e spavaldo di Napoleone.

ABBONATI A 29,90€

Le nostre attività lasciano un’impronta sull’ambiente, ma dobbiamo vivere in un mondo più sostenibile. Come fare? Inoltre: Voyager 2, la navicella più longeva nella storia delle missioni spaziali; come funzionano i reparti di terapia intensiva dove si curano i malati della CoViD-19; cos'è davvero il letargo per gli animali.

ABBONATI A 29,90€

Sul nuovo numero di Focus Domande&Risposte tantissime domande e risposte curiose e inaspettate nel nome della scienza. Per esempio: è vero che la musica fa cambiare sapore al formaggio? E che mariti e mogli con il tempo si assomigliano? E che la solitudine cambia il nostro cervello?

ABBONATI A 29,90€
Follow us