Rosetta e la cometa vai allo speciale

I fuochi di artificio della cometa Churyumov-Gerasimenko

La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, accompagnata dalla sonda Rosetta, è da poco transitata dal punto più vicino al Sole della sua orbita, salutando questo evento con spettacolari “fuochi di artificio"

approaching_perihelion
Il getto di gas e polveri verificatosi improvvisamente lo scorso 12 agosto, il giorno precedente il passaggio al perielio della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, ripreso da una distanza di poco superiore ai 300 km.|ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, accompagnata da breve distanza dalla sonda europea Rosetta, è transitata al perielio (la minima distanza dal Sole del suo percorso orbitale) lo scorso 13 agosto alle 3 e 3 minuti ora italiana.

Il grafico mostra le orbite dei pianeti interni, di Giove e della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. La freccia all'interno del quadratino giallo indica la precisa posizione del perielio della cometa. | ESA

 

Un nucleo scoppiettante. È questo il periodo in cui il nucleo cometario è soggetto alla massima irradiazione solare e gli effetti si sono fatti subito sentire, anzi, vedere.

 

I gas e le polveri liberati dalla sublimazione dei ghiacci hanno incrementato la chioma e la coda della cometa. Secondo le misure effettuate, attualmente ogni secondo la cometa rilascia nello spazio circa 300 kg di vapore acqueo, mille volte di più del tasso di produzione di un anno fa, quando fu raggiunta dalla sonda Rosetta.

 

La massa delle polveri emesse nello spazio è stimata in circa 1.000 kg al secondo, una quantità che può creare problemi per l’incolumità di Rosetta, in particolare rendere problematico il suo orientamento, in quanto i sensori stellari che controllano la navigazione e l’assetto della sonda possono scambiare per stelle dei grani di materia espulsa dai getti di gas misto a polveri che fuoriescono dalla superficie del nucleo.

 

Per prudenza, quindi, la sua orbita intorno alla cometa è stata un poco allontanata dal nucleo rispetto ai mesi passati.

 

Clicca sulla foto per vedere una breve animazione che mostra il getto di gas e polveri emesso il giorno prima del passaggio al perielio (12 agosto) dal nucleo della cometa Churyumov-Gerasimenk. Le tre immagini sono state riprese ad un intervallo di circa 10 minuti l’una dall’altra. | OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

 

Fuochi d'artificio cometari. La sonda Rosetta non ha mancato di festeggiare l’evento del passaggio al perielio con una spettacolare esibizione di getti di gas e polveri, come si vede nelle bellissime immagini che il sistema di telecamere OSIRIS (Optical, Spectroscopic, and Infrared Remote Imaging System) a bordo di Rosetta ha ripreso un’ora prima del transito da una distanza di poco superiore ai 300 km.

 

Sequenza di immagini riprese dal sistema di telecamere OSIRIS il 30 Luglio in cui sono evidenti i numerosi getti di gas e polveri. | ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA

 

Arrivederci al 2022. Il perielio della Churyumov-Gerasimenko è esterno all’orbita della Terra e si trova a una distanza di circa 186 milioni di km dal Sole (1,24 Unità Astronomiche). Nonostante questa non piccola distanza, la radiazione solare riscalda notevolmente il nucleo cometario.

 

La temperatura superficiale, che un anno fa era intorno ai -70 °C, è salita a pochi gradi sotto lo zero nel maggio scorso e si prevede che nel prossimo mese sarà di qualche decina di gradi sopra lo zero.

 

Il prossimo passaggio al perielio della cometa sarà tra 6 anni e 5 mesi, nel gennaio del 2022.

17 Agosto 2015 | Mario Di Martino