Spazio

La storia dei detriti spaziali in orbita terrestre

Quanto è inquinato lo Spazio vicino? Un'animazione interattiva mostra il progressivo affollamento del nostro angolo di cosmo, dagli anni Cinquanta ad oggi.

Mentre scriviamo ci sono 20 mila "avanzi" di missioni spaziali, di dimensioni comprese tra quella di una mela e quella di un autobus, in orbita attorno al nostro pianeta. Come ci sono finiti?

Stuart Grey, docente all'University College London e membro dello Space Geodesy and Navigation Laboratory, ha realizzato un'animazione interattiva per orientarsi nella storia dell'inquinamento celeste, che coincide con quella della "conquista" umana dello Spazio vicino.

Le origini. Si parte da quel 4 ottobre 1957, giorno del lancio dello Sputnik 1 - primo satellite artificiale inviato dai sovietici in orbita intorno alla Terra - fino agli anni delle missioni lunari, con i frammenti dei razzi vettori che fanno lievitare a 5.000 il numero di detriti celesti attorno al nostro pianeta.

L'era moderna. Negli anni '90, gli astronauti della MIR cominciano lunghe permanenze in orbita e assistono in prima persona ai pericoli delle collisioni tra detriti spaziali. Negli anni 2000, con il boom dei satelliti meteorologici e per le comunicazioni, i frammenti spaziali arrivano a 9.000. Nell'ultimo decennio, test missilistici e collisioni tra satelliti hanno fatto impennare il conto, da aggiornare quotidianamente con nuovi arrivati.

Il progetto fa parte di un calendario dell'avvento della Royal Institution, che svela ogni giorno un diverso progetto legato all'esplorazione spaziale.

10 dicembre 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us