Spazio

Hubble fotografa il disco di polveri di Beta Pictoris

Il telescopio spaziale ha osservato a lungo il disco di gas e polveri intorno all'astro: l'anello circumstellare è il ritratto in continua evoluzione di un giovane sistema planetario.

La doppia foto che vedete qui sopra ritrae, a distanza di 15 anni, lo stesso brillante soggetto: il disco di gas e polveri che circonda Beta Pictoris, una giovane stella ("appena" 20 milioni di anni) situata a 63 anni luce dalla Terra.

Pianeta nascosto. Il disco in questione è detto protoplanetario perché si pensa che in simili strutture abbia luogo la formazione di pianeti. E in effetti quello di Beta Pictoris è l'unico disco osservato direttamente ad ospitare un pianeta gigante. Il corpo celeste, denominato Beta Pictoris b, è stato scoperto nel 2009 grazie alle osservazioni del Very Large Telescope dell'ESO.

Come eravamo. Il pianeta completa un'orbita intorno alla stella ogni 18-20 anni, un periodo orbitale relativamente breve rispetto ad altri sistemi osservati; per questo Hubble ha fatto del giovane sistema planetario uno dei suoi soggetti privilegiati. Studiarne l'evoluzione servirà a capire come i pianeti nascano intorno alle giovani stelle. E a studiare - in una sorta di macchina del tempo - come abbia avuto origine il Sistema Solare.

Il confronto. Esaminando l'evoluzione della struttura del disco nel tempo, gli esperti possono notare eventuali distorsioni dell'anello di polveri e gas causate dal passaggio del pianeta. L'immagine in alto è stata scattata nel 1997; quella in basso nel 2012 (ma è stata pubblicata solo 4 giorni fa).

Entrambe sono state scattate dallo spettrografo di Hubble in modalità coronografo: nelle foto di questo tipo il bagliore della stella centrale è oscurato in modo che si possa vedere bene il disco circostante.

Cosa è cambiato. Secondo gli astronomi il disco di polveri è solo lievemente mutato in questi 15 anni; dalle immagini si evince però che l'intera struttura ruota attorno a Beta Pictoris come una giostra impazzita e molto veloce. Il disco appare anche eccezionalmente polveroso, forse a causa delle recenti collisioni tra pianeti ancora non visti e oggetti celesti di dimensioni simili ad asteroidi al suo interno. In particolare un acceso bagliore di polveri sul lato sudovest del disco potrebbe essere il risultato dello sgretolamento di un oggetto celeste di dimensioni simili a Marte.

24 febbraio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us