Spazio

Hubble, tanti anni di attività (e qualche acciacco)

Il il 24 aprile del 1990 il telescopio spaziale Hubble è stato lanciato in orbita: ecco come se la cava, dopo qualche recente intoppo dovuto alla vecchiaia.

Il 24 aprile del 1990, Hubble veniva infatti lanciato in orbita con lo Space Shuttle Discovery. E dopo oltre un trentennio, il telescopio spaziale di NASA ed ESA ha iniziato a mostrare qualche segno dell'età.

Un primo campanello d'allarme. Il 7 marzo 2021 Hubble è entrato in modalità provvisoria di funzionamento a causa di un errore di software nel suo computer principale. A inizio anno, il "cervello" di Hubble aveva affrontato un importante aggiornamento per compensare alcune fluttuazioni in uno dei giroscopi, gli strumenti che controllano l'assetto del telescopio, misurando direzione e velocità di spostamento, quando viene puntato verso galassie, stelle e pianeti mentre orbita a 550 km da Terra.

Il nuovo software doveva permettere ad Hubble di virare da un obiettivo all'altro in modo più efficiente, e mitigare il fastidioso rumore proveniente da uno dei tre giroscopi ancora funzionanti (su sei originari: e tutti e tre servono al telescopio per continuare a operare senza limitazioni).

L'ammasso galattico Abell 2813 ritratto da Hubble. Gli archi di luce sono un esempio del fenomeno delle lenti gravitazionali, spesso citate come prova della teoria della relatività generale di Einstein: il gruppo di galassie ha una massa così importante da riuscire a "piegare" la luce proveniente da galassie ancora più distanti. © ESA/Hubble & NASA, D. Coe

Ce n'è sempre una... L'errore è stato risolto e Hubble è rientrato regolarmente in servizio nel giro di sei giorni, ma intanto sono emersi due altri acciacchi oltre al già noto degrado dei giroscopi, anche in questo caso legati all'anzianità del telescopio. Il primo riguarda la cover all'estremità anteriore di Hubble, che ha mancato di chiudersi quando il satellite è entrato in modalità di sicurezza. Questo meccanismo dovrebbe chiudersi in automatico per proteggere le delicate ottiche interne del telescopio da eventuali danni della luce solare, ma il motore principale che dovrebbe guidarlo ha cessato di funzionare: è stato quindi attivato quello di scorta. L'ultima volta che questa "porta" era stata aperta e richiusa era stato nel 2009, durante la missione di riparazione del telescopio dello Space Shuttle.

Il secondo intoppo è emerso nel tentativo di riattivare la principale telecamera scientifica di Hubble, la Wide Field Camera 3, che ha fatto registrare un allarme relativo a un'anomala tensione elettrica (quella rilevata all'interno dello strumento era più bassa del normale). Anche questo problema parrebbe collegato all'età della telecamera, installata nel 2009; il problema è stato temporaneamente aggirato abbassando il limite di allarme del voltaggio, per adeguarsi all'età dello strumento.

Il cuore della galassia a spirale M61, una fucina di stelle che ospita, al centro, un buco nero con una massa pari a più di cinque milioni quella solare. M61 è un soggetto popolare nelle foto di Spazio nonostante si trovi a oltre 52 milioni di anni luce da noi, perché è girata in posizione frontale. Qui è ritratta da Hubble e dal VLT dell'ESO. © ESA/Hubble & NASA, ESO, J. Lee and the PHANGS-HST Team

passaggio di testimone. Hubble si avvia verso la pensione, ma dovrebbe avere ancora una manciata di anni utili per ulteriori osservazioni - nel 2020, al trentesimo compleanno del telescopio, si era parlato di un altro quinquennio di servizio. Intanto il suo successore James Webb Space Telescope, pronto per il lancio ad ottobre 2021, dovrebbe supportare le sue operazioni grazie a uno specchio 7 volte più grande e a strumenti scientifici più sofisticati.

24 aprile 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us