Focus

HI-SEAS, le foto dell'analogo marziano alle Hawaii

Esperimenti, isolamento, ambiente ostile: vita quotidiana dell'equipaggio della missione - appena conclusa - che simula la permanenza umana su Marte.

La quarta missione del progetto HI-SEAS (Hawaii Space Exploration Analog and Simulation), finanziata dalla Nasa, si è appena conclusa a 2400 metri sul Mauna Loa, un vulcano delle isole Hawaii.

Scopo del progetto è studiare le interazioni e la sopravvivenza all'isolamento di un gruppo di sei persone, tre uomini e tre donne, per capire quali doti dovranno avere i primi equipaggi che colonizzeranno Marte.

Tra le figure professionali coinvolte ci sono astrobiologi, medici, specialisti del suolo, ingegneri, geologi, ma anche architetti ed esperti in comunicazione di bordo.

La giornata trascorre tra esperimenti scientifici, comunicazioni ritardate (e solo via email), rifornimenti col contagocce e simulazioni in realtà virtuale per superare l'isolamento.

L'interno della cupola di HI-SEAS, con i valori delle temperature raggiunte di giorno (al centro) e di notte (in fondo).

Durante la simulazione è possibile uscire dalla cupola soltanto indossando una tuta spaziale.

Ecco perché, al termine degli esperimenti, molti membri dell'equipaggio dichiarano di aver avuto nostalgia degli odori terrestri, incluso il profumo della terra.

L'ambiente lavico del vulcano Mauna Loa ricorda per certi versi quello degli inospitali canyon marziani.

I membri del team di missione lavorano in condizioni di fatica fisica e isolamento; ma finora le ripercussioni psicologiche degli esperimenti non sono state drammatiche, perché i "cosmonauti" sono scelti proprio in base alle capacità di resistenza e lavoro di squadra.

Tra le simulazioni a cui si sottopone l'equipaggio ci sono anche finte tempeste solari, che richiedono l'immediata evacuazione della cupola, e il raggiungimento di tunnel di lava solidificata.

Un membro dell'equipaggio di una delle ultime missioni durante una "attività extraveicolare".

Il momento dell'uscita dal modulo dopo 365 giorni di isolamento.

La quarta missione del progetto HI-SEAS (Hawaii Space Exploration Analog and Simulation), finanziata dalla Nasa, si è appena conclusa a 2400 metri sul Mauna Loa, un vulcano delle isole Hawaii.