Spazio

Il team della Nasa che studia gli Uap (i "vecchi" Ufo) fa il punto della situazione: il lavoro non procede bene

La task force della Nasa che studia i fenomeni Uap (gli Ufo "di una volta") fa fatica: i dati a disposizione sono inaccurati e i membri del team vengono molestati online.

Nell'ottobre 2022 vi avevamo dato notizia che la NASA aveva creato una "task force" con il compito di individuare la migliore strada per studiare gli uap, unidentified aerial pheonomena (fenomeni aerei non identificati), in pratica, ciò che prima chiamavamo "ufo". 

In diretta web. Il 31 maggio scorso i membri del gruppo di lavoro (composto da 16 persone tra cui astronomi, tecnologi, astrobiologi, fisici e un astronauta) ha tenuto la sua prima riunione pubblica: è stata una diretta di quattro ore trasmessa dal canale web della NASA, in cui sono state condivise le conclusioni preliminari in vista della pubblicazione di un rapporto previsto per la fine di luglio.

In estrema sintesi il gruppo ha riferito che l'ostacolo principale nel percorso verso la comprensione di questi "misteri" è la scarsità di dati di alta qualità, unita – per certi versi in modo anche sorprendente – a una sorta di stigma: diversi membri del gruppo infatti sono stati sottoposti a non meglio specificati "abusi online" e molestie da quando hanno iniziato il loro lavoro lo scorso anno.

Doppia sfida. La sfida più grande che i membri del gruppo di lavoro hanno evidenziato è, comunque, la scarsità di metodi scientificamente affidabili per documentare questi fenomeni: spesso si tratta di avvistamenti di oggetti che sembrano muoversi in modo non compatibile con le leggi della natura e con le conoscenze tecnologiche attualmente note. E i fenomeni in questione vengono generalmente rilevati e registrati con telecamere, sensori e apparecchiature che non sono progettati o calibrati per raccogliere dati scientifici.

In altre parole, «se dovessi riassumere ciò che abbiamo imparato» spiega il presidente del gruppo di esperti, l'astrofisico David Spergel, «è che abbiamo bisogno di dati di alta qualità. I dati esistenti e i resoconti dei testimoni oculari non sono sufficienti a fornire prove conclusive sulla natura e l'origine di ogni evento Uap».

Spiegazioni banali. Gli eventi che il team è riuscito a esaminare in dettaglio sono finora riconducibili a fonti banali: aerei commerciali, palloni aerostatici, persino radiazioni provenienti da forni a microonde. Non ci sono prove che gli Uap abbiano a che fare con qualcosa di extraterrestre, hanno sottolineato diversi membri del team.

Meno del 5% delle centinaia di Uap segnalati sono rimasti anomali e inspiegabili una volta indagati, in gran parte semplicemente perché – come detto – non abbiamo abbastanza informazioni su di essi. «È molto probabile che con dati migliori si possano ricondurre a fenomeni noti», ha dichiarato Federica Bianco dell'Università del Delaware, altro membro del gruppo.

 

2 giugno 2023 Focus.it
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us