Spazio

Primi dettagli sulla missione Europa, alla ricerca della vita

Se l'Oceano di Europa nasconde una qualche forma di vita, come la troveremo? La Nasa definisce gli strumenti che spediremo attorno al satellite di Giove, attorno al 2020.

Europa, la nuova frontiera: la grande luna di Giove è l'obiettivo della missione Nasa, che dovrà anche cercare tracce di vita extraterrestre.

Nei mesi scorsi l'agenzia Usa aveva dato il via libera alla pianificazione di una missione per portare una sonda attorno al satellite di Giove, per studiarlo da vicino. Anche se manca una data ufficiale (si ipotizza che il lancio potrebbe avvenire attorno al 2020), è di queste ore la definizione del pacchetto di strumenti che la sonda imbarcherà.

La sonda della Nasa scenderà fino a 20 km dalla superficie della luna di Giove, per mapparla con un dettaglio mai ottenuto finora.

Galileo e l'Oceano di Europa. Dagli anni Novanta, quando Giove è stato sorvolato dalla sonda Galileo, sappiamo che sotto la crosta di ghiaccio d'acqua di Europa esiste un oceano. La quantità d'acqua è stimata essere circa il doppio di tutta quella che esiste negli oceani terrestri, e negli ultimi anni si è potuto stabilire anche che è salata e relativamente calda. Sul fondo di questo mare alieno potrebbero esserci dei camini di acqua calda riscaldata dal nucleo di Europa: è un'ipotesi elettrizzante, perché l'insieme di queste condizioni - acqua salata, temperatura e sorgenti idrotemali, portano inevitabilmente a ipotizzare la presenza di una qualche forma di vita in quell'oceano.

«Siamo molto interessati alla prossima missione su Europa perché con gli strumenti che abbiamo selezionato abbiamo la certezza che, se vita c'è sulla luna di Giove, troveremo le prove», ha affermato John Grunsfeld, del Nasa's Science Mission Directorate di Washington.

Nove strumenti. Gli strumenti a cui si riferisce Grunsfeld comprendono telecamere e spettrometri per la cattura di immagini ad alta risoluzione della superficie di Europa, per determinarne la composizione e la morfologia, e mapparla. Le macchine fotografiche di bordo potranno riprendere la superficie con dettagli fino a 50 metri di diametro.

La dotazione della missione includerà un radar per determinare lo spessore del ghiaccio che ricopre l'oceano e verificare se esistono laghi - sacche d'acqua - all'interno del ghiaccio stesso. E un magnetometro per misurare con un margine d'errore minimo la forza del campo magnetico della luna: in combinazione con altri strumenti permetterà anche di misurare la salinità dell'acqua e la profondità dell'oceano.

Rappresentazione artistica di un geyser come potrebbe apparire su Europa. I geyser sul satellite di Giove sono stati scoperti grazie al telescopio spaziale Hubble.

Uno strumento termico analizzerà la superficie ghiacciata di Europa alla ricerca di recenti eruzioni di acqua, mentre altri sensori analizzeranno lo spazio attorno al satellite alla ricerca di particelle d'acqua e altre sostanze. Va ricordato, infatti, che il telescopio spaziale Hubble aveva rilevato particelle d'acqua in sospensione sopra il polo sud del satellite: un indizio, forse, di fuoriuscite d'acqua dalla crosta ghiacciata, per esempio da giganteschi geyser.

Vedi anche

2 giugno 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us