Spazio

Gli antichi vulcani di Mercurio

Immagine in falsi colori dell’emisfero di Mercurio osservato dalla sonda Messenger. L’enorme bacino Caloris, il cui diametro supera i 1.300 km, è...

Immagine in falsi colori dell’emisfero di Mercurio osservato dalla sonda Messenger. L’enorme bacino Caloris, il cui diametro supera i 1.300 km, è indicato con la lettera C e appare riempito da materiale vulcanico contenente una bassa abbondanza di ferro. Le frecce bianche indicano delle regioni pianeggianti la cui composizione appare simile al bacino Caloris, mentre attorno a questa vasta depressione sono stati identificati (frecce nere) dei piccoli centri vulcanici che si pensa siano stati originati da eruzioni di tipo esplosivo.


I dati raccolti lo scorso gennaio dalla sonda Messenger durante il suo primo flyby del più piccolo pianeta del Sistema Solare stanno fornendo informazioni molto interessanti che per certi versi mostrano un quadro diverso da quello finora disegnato dagli scienziati planetari.
Le telecamere di Messenger hanno ripreso circa il 20% della metà della superficie del pianeta che non era stata fotografata durante i tre passaggi ravvicinati che furono effettuati nel 1974 e 1975 dalla sonda Mariner 10. Tra le più interessanti è la scoperta che l’attività vulcanica sembra aver giocato un ruolo rilevante, molto superiore a quanto finora creduto, nel modificare la superficie di Mercurio.
Nelle immagini ottenute da Messenger sono state identificate delle aree che corrispondono ad antichissime colate di lava, vulcani ed altre morfologie geologiche che mostrano una generale relativa bassa abbondanza di ferro nelle rocce superficiali.
L’attività vulcanica sembra aver interessato tutto il pianeta e mentre i crateri da impatto sono molto numerosi, tanto da far apparire Mercurio molto simile alla Luna, la maggior parte della sua superficie appare essere stata “risurfacciata” dal materiale espulso nel corso di un periodo di intensa attività vulcanica che sembra essere terminato da ormai lungo tempo.

Le osservazioni di Messenger confermano infine le deformazioni subite dalla superficie del pianeta. Mercurio sembra infatti essersi ridotto in dimensioni rispetto al passato e la tendenza di questa sua riduzione sembra essere ancora in atto. Come ha detto uno degli scienziati che stanno analizzando i dati raccolti dalla sonda, “Mercurio assomiglia molto ad una mela avvizzita”.

7 luglio 2008 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us