Spazio

Giove ha cannibalizzato i suoi primogeniti

Secondo i risultati di un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi, i quattro satelliti galileiani di Giove - Io, Europa, Ganimede e...

Secondo i risultati di un recente studio condotto da un gruppo di ricercatori statunitensi, i quattro satelliti galileiani di Giove - Io, Europa, Ganimede e Callisto - sarebbero gli ultimi sopravvissuti di una popolazione di almeno 20 lune che orbitavano attorno al pianeta gigante del Sistema Solare poco dopo la sua formazione.

Grazie ai risultati di simulazioni numeriche, da tempo è noto che la massa del disco di materia che circondava Giove durante le sue primissime fasi evolutive doveva essere almeno dieci volte superiore a quella totale degli attuali satelliti gioviani. Adesso il mistero sembra essere stato chiarito. La “massa mancante” nel sistema di satelliti può essere spiegata se delle lune si formarono mentre il disco di detriti rocciosi circumgioviano era ancora consistente. Le interazioni tra questa materia, che continuava ad affluire dalla nebulosa protoplanetaria, avrebbero indotto i satelliti da poco formatisi a spiraleggiare verso Giove per esserne alla fine “fagocitati”.

Attualmente, dei 63 satelliti che orbitano attorno a Giove soltanto quattro sono di grandi dimensioni – Io, Europa, Ganimede e Callisto(da sinistra a destra nell'immagine). I risultati di un recentissimo studio mostrano però che poco dopo la formazione del pianeta il loro numero doveva essere di almeno 20. In breve tempo le prime generazioni dei satelliti maggiori sarebbero state “fagocitate” dal pianeta gigante.

Questo meccanismo spiegherebbe le discrepanze con i risultati delle precedenti simulazioni. Appena una generazione di satelliti veniva “inghiottita” da Giove, immediatamente se ne formava un altro gruppo e così via per almeno cinque generazioni. Gli attuali satelliti avrebbero avuto origine nel periodo in cui l’afflusso di materiale della nebulosa proto planetaria verso il disco di materia circumgioviana si interruppe, evitando a queste lune la fine delle sorelle più vecchie. Lo stesso meccanismo molto probabilmente dovrebbe avere interessato anche Saturno.

10 marzo 2009 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us