Spazio

Giornata Nazionale dello Spazio: la mostra The Italian Spaceway targata Focus

In occasione della Giornata Nazionale dello Spazio una mostra curata da Focus farà il giro del mondo per raccontare il made in Italy nelle missioni spaziali.

La Giornata Nazionale dello Spazio è stata istituita dal governo italiano il 16 dicembre 2021. La data ricorda il lancio del satellite San Marco 1 nel 1964, facendo dell'Italia la terza nazione a mettere in orbita un satellite proprio. A distanza di sessant'anni, l'Italia continua a giocare un ruolo chiave nella corsa allo Spazio.

In tutto il mondo. Per questo motivo, il ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha pensato quest'anno di sottolineare la ricorrenza con un'iniziativa speciale: una mostra che illustri i tanti contributi del nostro Paese alle missioni spaziali, umane e non, e allo sviluppo delle tecnologie che le consentono. E a realizzare i contenuti della mostra, intitolata The Italian Spaceway, siamo stati chiamati noi di Focus: un incarico prestigioso che ci ha onorato e anche divertito.

I temi della mostra. La mostra si articola in 6 sezioni, coprendo temi come l'Osservazione della Terra, i Servizi in orbita e la Robotica, la Sicurezza e i detriti spaziali, l'Esplorazione spaziale, il Trasporto spaziale e la Meteorologia spaziale. Ogni sezione presenta testi, immagini e video accessibili tramite QR code.

La sezione Osservazione della Terra è dedicata al ruolo dei satelliti nel monitorare il nostro Pianeta. Non solo per le previsioni meteo, ma anche per misurare l'inquinamento e il riscaldamento globale, per aiutare quando accadono eventi climatici estremi (alluvioni, terremoti, eruzioni…) e per verificare lo stato di salute di suolo, foreste e oceani. Nella seconda sezione, Servizi in orbita e Robotica, si racconta di come oggi sia possibile immaginare un futuro prossimo popolato di satelliti-robot in grado di mettere ordine tra i satelliti, spostarli e ripararli, grazie a un progetto dell'Agenzia spaziale italiana. La terza parte, dedicata a Sicurezza e detriti spaziali, illustra le tecnologie e i sistemi messi in atto per prevenire i problemi causati dall'affollamento dei satelliti in orbita e dal rischio, seppure remoto, di un asteroide in rotta di collisione con la Terra.

Dall'esplorazione allo space weather. La sezione di Esplorazione spaziale delinea i moltissimi contributi delle istituzioni e delle aziende italiane per le missioni verso i pianeti del Sistema solare, per esempio per il progetto ExoMars che porterà su Marte il rover Rosalind Franklin che perforerà il terreno in cerca di forme di vita grazie a una trivella realizzata dall'azienda italiana Leonardo.

La quinta sezione di The Italian Spaceway è invece dedicata al Trasporto spaziale, dove l'Italia svolge un ruolo di primo piano sia con i propri lanciatori Vega e Vega C, realizzati da Avio, sia con Space Rider, la futura navetta automatica europea per esperimenti in orbita alla quale collabora il Centro Italiano Ricerche Aerospaziali.

Vega - C Pac
Il razzo Vega-C, in occasione del suo lancio inaugurale (nel luglio del 2022), viene portato fuori dal suo hangar. © Avio

Infine, l'ultima sezione della mostra parla di Meteorologia spaziale, un settore estremamente importante della ricerca odierna, che si occupa di studiare e di prevedere le perturbazioni che si originano sul Sole e i loro effetti sia sulle tecnologie terrestri (i satelliti in orbita, ma anche le apparecchiature a terra) sia sugli organismi viventi.

Italia protagonista. Il ministro degli Affari Esteri, Antonio Tajani, ha sottolineato il ruolo dell'Italia nello Spazio, essendo il terzo contributore dell'Agenzia Spaziale Europea, evidenziando inoltre l'importanza delle scoperte e delle tecnologie spaziali nella vita quotidiana e nella gestione delle risorse del pianeta.

La mostra è realizzata in collaborazione con AIDAA, ASI e altri attori spaziali italiani, in preparazione all'International Astronautical Federation Congress del 2024 a Milano.

15 dicembre 2023 Gianluca Ranzini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us