Spazio

La Galassia Fantasma M74 fotografata con dettagli mai visti prima

Arriva un'immagine inedita della Galassia Fantasma M74: è il frutto del lavoro di squadra tra i telescopi spaziali Webb e Hubble, e di alcuni grandi osservatori terrestri.

Mentre scienziati e appassionati di esplorazione spaziale sono in attesa di vedere la partenza della missione Artemis I che porterà una capsula senza equipaggio in orbita attorno alla Luna (dopo il primo tentativo di lancio, rinviato, ecco gli aggiornamenti della Nasa) arrivano nuove spettacolari immagini della Galassia Fantasma, M74. Come ormai capita sempre più spesso di sottolineare, si tratta di immagini con un livello di dettaglio mai visto prima, che sono un saggio della "potenza" che gli telescopi spaziali possono assicurare quando lavorano insieme in diverse lunghezze d'onda. In questo caso, si legge nel sito dell'Esa, i dati del Telescopio Spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA e del Telescopio Spaziale Hubble della NASA/ESA "collaborano" tra loro per fornire una visione completa della galassia.

Davanti a noi. La Galassia Fantasma si trova a circa 32 milioni di anni luce dalla Terra, nella costellazione dei Pesci, e si trova quasi di fronte alla Terra. Questo, insieme ai suoi bracci a spirale ben definiti, la rende un obiettivo privilegiato per gli astronomi che studiano l'origine e la struttura delle spirali galattiche.

Galassia M74, vista da Webb e da Hubble
A sinistra, la visione della galassia M74 offerta dal telescopio spaziale NASA/ESA Hubble spazia dalle stelle più vecchie e rosse (verso il centro), alle stelle più giovani e blu nei bracci a spirale, fino alla formazione stellare più attiva nelle bolle rosse delle regioni HII. A destra, l'immagine del telescopio spaziale James Webb della NASA/ESA/CSA evidenzia le masse di gas e polvere all'interno dei bracci della galassia e il denso ammasso di stelle nel suo nucleo. Al centro, l'immagine combinata che "fonde" le altre due per dare uno sguardo davvero unico a questa galassia a spirale. © ESA/Webb, NASA & CSA, J. Lee and the PHANGS-JWST Team; ESA/Hubble & NASA, R. Chandar Acknowledgement: J. Schmidt

La visione acuta di Webb ha rivelato delicati filamenti di gas e polvere nei grandiosi bracci a spirale di M74, che si snodano verso l'esterno dal centro dell'immagine. La mancanza di gas nella regione nucleare offre anche una visione non oscurata dell'ammasso stellare nucleare al centro della galassia.

Sulle prime fasi. Il telescopio Webb ha osservato la galassia M74 con il suo strumento Mid-InfraRed (MIRI) per avere informazioni sulle prime fasi della formazione stellare nell'Universo locale. Queste osservazioni fanno parte di un più ampio sforzo di mappatura nell'infrarosso di 19 galassie vicine in formazione stellare da parte della collaborazione internazionale PHANGS. Queste galassie sono già state osservate dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA e da osservatori a terra.

L'aggiunta delle osservazioni cristalline di Webb a lunghezze d'onda maggiori consentirà agli astronomi di individuare le regioni di formazione stellare nelle galassie, di misurare con precisione le masse e le età degli ammassi stellari e di comprendere la natura dei piccoli grani di polvere alla deriva nello spazio interstellare.

Lavoro di squadra. 
Le osservazioni di Hubble su M74 hanno rivelato aree di formazione stellare particolarmente luminose, note come regioni HII. La visione nitida di Hubble alle lunghezze d'onda dell'ultravioletto e del visibile completa l'impareggiabile sensibilità di Webb alle lunghezze d'onda dell'infrarosso, così come le osservazioni dei radiotelescopi a terra come l'Atacama Large Millimeter/submillimeter Array, ALMA.

Combinando i dati provenienti da telescopi che operano in tutto lo spettro elettromagnetico, gli scienziati possono ottenere una maggiore comprensione degli oggetti astronomici rispetto all'utilizzo di un singolo osservatorio, anche se potente come nel caso del James Webb Space Telescope.

31 agosto 2022 Roberto Graziosi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us