Spazio

Fulmini vulcanici

Sono apparse recentemente su vari siti internet delle bellissime foto di fulmini (come quella qui pubblicata) che balenano nella nube di polveri e gas emessa...

Sono apparse recentemente su vari siti internet delle bellissime foto di fulmini (come quella qui pubblicata) che balenano nella nube di polveri e gas emessa dall’ormai famoso vulcano islandese Eyjafjallajökull, che sta paralizzando i cieli europei. Si tratta di un fenomeno normale in occasione di eventi del genere, che fu osservato anche durante l’ultima eruzionedel Vesuvio del marzo 1944. Ma qual è l’origine di questa potente attività elettrica?

Immagine di fulmini nella nube di gas e polveri emessa dal vulcano Eyjafjallajökull ripresa lo scorso 17 aprile.

Come si origina un fulmine?
Il fenomeno “fulmine” non è altro che un intensissimo flusso di elettricità tra due zone in cui sono presenti cariche

elettriche di segno opposto. La carica elettrica non è altro che il rapporto tra elettroni e protoni in una qualche quantità

di materia. Se il numero di elettroni supera quello dei protoni la materia è carica negativamente, viceversa se predominano i

protoni.


"FULMINI & VULCANI"
SU FOCUS.IT




Fulmini sul vulcano Chaitén (Cile)




Due condizioni devono esistere perché si produca un fulmine. Deve esistere un qualche meccanismo che causa la

separazione di cariche tra due masse considerevoli di materia che siano sufficientemente separate, e un qualche processo che

connetta le due masse in modo da permettere il flusso di elettricità. In genere l’ultima condizione è relativamente semplice.

Quando la differenza di potenziale tra le due masse è sufficientemente elevata, riesce a superare la resistenza dell’aria per

cui può avvenire la scarica elettrica. La prima condizione è quella più complessa ed anche la meno conosciuta.

Clicca sulle foto per ingrandirle. L'articolo continua sotto le foto.




Come avviene la separazione delle cariche elettriche?
E’ facile comprendere che quando due oggetti elettricamente neutri con diverse proprietà elettriche vengono in contatto gli

elettroni possono fluire da uno all’altro generando tra loro una differenza di potenziale. E’ ciò che avviene tra le

particelle di polvere emesse da un’eruzione vulcanica o sollevate da una tempesta di sabbia, le quali collidendo l’una con

l’altra si elettrificano. Nel suo insieme la nube è sempre neutra, ma deve esistere un qualche meccanismo che fa sì che le

particelle cariche positivamente si separino da quelle con carica negativa. Ciò in linea di principio può accadere se queste

particelle possiedono differenti proprietà aerodinamiche. Per esempio, se le cariche positive tendono ad essere concentrate

nelle particelle più grandi, queste possono ricadere verso terra più velocemente di quelle più piccole. La conseguenza è che

gradualmente avviene una separazione tra particelle con cariche positive e negative, dando origine a due masse con cariche

opposte tra le quali si crea una differenza di potenziale. Il meccanismo specifico per cui le particelle con cariche opposte

si separano è comunque ancora sconosciuto. L’idea precedente è una delle possibili ipotesi, anche se i suoi detrattori, a

ragione, sostengono che la forte turbolenza esistente in una nube di gas e polveri eruttata da un vulcano non permette che

questo tipo di separazione avvenga a causa del continuo rimescolamento a cui essa è soggetta. Altri meccanismi, ancora s

conosciuti, devono comunque contribuire alla separazione delle cariche che sono alla base dell’origine dei fulmini

vulcanici. Il fatto che spesso i fulmini si sviluppino in prossimità delle bocche del vulcano fa pensare che possano essere

attivi dei processi che avvengono al suo interno, poco prima che le polveri vengano emesse, che possono causare la separazione delle cariche.
Anche su Marte si pensa che durante le tempeste di polvere, che periodicamente si scatenano nella sua tenue atmosfera, si

producano dei fulmini generati da meccanismi analoghi a quelli che sono all’origine dei fulmini che si verificano durante le

eruzioni vulcaniche di tipo parossistico, come quella che sta interessando il Eyjafjallajökull.

20 aprile 2010 Mario Di Martino
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Qual è la "retta via" indicata dal Corano e dalla Sunna? Come si riflette la Sharìa – la legge divina islamica - sulla vita delle persone e sugli equilibri fra mondo musulmano e occidente? Viaggio nel fondamentalismo religioso, islamico e non solo, per capire cosa succede quando la parola di Dio viene presa alla lettera, non tiene conto dei cambiamenti storici e sociali e si insinua nella politica.

ABBONATI A 29,90€

Come sarà la città del domani? Pulita, tecnologica, intelligente, come quella in costruzione vicino a Tokyo. E in giro per il mondo ci sono altri 38 progetti futuristici che avranno emissioni quasi azzerate nel nome della salute e dell’ambiente. Inoltre, le missioni per scoprire Venere; come agisce la droga dello stupro sul cervello; il paradosso del metano, pericoloso gas serra ma anche combustibile utile per la transizione energetica.

ABBONATI A 29,90€
Follow us